Deutsche Bank costretta a chiudere 1 filiale su 5

Anche la seconda banca tedesca, Commerzbank, ha annunciato un piano di riduzione di 200 filiali sul totale di 1000 presenti in Germania

Deutsche Bank costretta a chiudere 1 filiale su 5

“Il coronavirus ha ulteriormente modificato le esigenze dei servizi di consulenza e delle filiali”, ha spiegato all’agenzia Reuters, Philipp Gossow, che supervisiona l’attività bancaria retail in Germania, annunciando la chiusura del 20% delle filiali di Deutsche Bank sul territorio tedesco che dunque si ridurranno da 500 a 400.

“Anche i clienti che in precedenza non avevano molta familiarità con l’online banking ora eseguono molte semplici transazioni bancarie da casa sul proprio computer o iPad”, ha spiegato Gossow.

Gli effetti della pandemia ricadono sul settore bancario e le banche di tutta Europa stanno ripensando le proprie strategie di filiale sulla scia della crisi del coronavirus. L’impatto è più forte sulle banche tedesche, tradizionalmente con maggiori filiali rispetto, ad esempio, agli istituti di credito nel Regno Unito e Paesi Bassi, dove la maggior parte delle operazioni sono affidate al digitale.

La chiusura del 20% delle filiali consentirà alla prima banca europea, che naviga da tempo in cattive acquee, di risparmiare sui costi di gestione.

Anche la seconda banca tedesca, Commerzbank, ha annunciato un piano di riduzione di 200 filiali sul totale di 1000 presenti in Germania.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com