Trump: "La Banca centrale è impazzita"

Trump: "La Banca centrale è impazzita"

“La Federal reserve è impazzita”. Con queste cinque parole Donald Trump attacca la Banca centrale Usa, di cui ha nominato lui stesso il nuovo governatore, Jerome Powell. Sarebbe stato lui, con l’ultimo aumento dei tassi di interesse, ad aver causato il pesante crollo di Wall Street del 10 ottobre. Il presidente degli Stati Uniti si scatena in un attacco senza precedenti contro una delle istituzioni più rispettate. “La Fed è troppo severa”, dice Trump.

La Cina e i tassi spiegano la grande paura di Wall Street, caduta soprattutto per i titoli tecnologici ipervalutati: meno 831 punti il Dow Jones, meno 4% il Nasdaq. Sui rapporti Washington-Pechino, così come sul costo del denaro, si sta chiudendo un’epoca. Gli investitori sanno che se ne apre una molto più complessa. L’adattamento rischia di essere traumatico e la transizione può includere nuovi shock globali.

Intanto la guerra commerciale comincia a mordere sull’economia cinese. L’Fmi vede un rallentamento della crescita in entrambe le economie, l’americana e la cinese. Nel caso di Pechino si aggiunge la mina vagante del debito pubblico pari al 300% del Pil.

All’incertezza del quadro appena delineato si aggiunga la fine della politica monetaria accomodante, come lo stesso Powell aveva annunciato a settembre. L’era del denaro facile è giunta al capolinea. Con una terapia d’urto, la Federal reserve favorì l’uscita dalla crisi del 2008 inondando il pianeta di dollari a buon mercato e credito a tassi ridotti.

Ma da tempo è cominciata l’inversione di tendenza. I tassi salgono, mentre la marea di dollari si prosciuga. Come ampiamente preannunciato, lo scenario non è "impazzito", è semplicemente cambiato.

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com