Fed: “C’è schiuma sulle quotazioni finanziarie”

La Banca centrale statunitense lascia invariati gli strumenti di politica monetaria e resta aperta a qualunque intervento si rivelasse necessario. I prezzi degli assets sono “alti” ma la situazione è tranquilla

Fed: “C’è schiuma sulle quotazioni finanziarie”

L’orientamento non cambia, anche se c’è un po’ di “schiuma”, legata alla ripresa, sui mercati finanziari, dove alcune quotazioni sono “alte”. La Federal reserve ha confermato tutte le misure predisposte per contrastare l’economia (tassi a zero, e acquisti di titoli per 120 miliardi di dollari al mese) e anche l’intenzione di accompagnare la ripresa con una politica monetaria accomodante, in tandem con una politica fiscale espansiva.

La riunione di aprile ha solo modificato la valutazione delle condizioni dell’economia. Sulla quale restano “rischi”, si legge nel comunicato della Fed, relativi soprattutto alla crescita, anche se gli indicatori di attività economica e di occupazione “si sono rafforzati”, “più del previsto” ha aggiunto Jerome Powell in conferenza stampa.

L’inflazione non segnala problemi: è in rialzo “riflettendo ampiamente fattori temporanei”. Le condizioni finanziarie restano quindi e devono restare “accomodanti”, esattamente come a marzo.

Tutto dipende ora dall’andamento delle vaccinazioni: i nuovi casi restano elevati, ha detto Powell. Anche per questo motivo “non è ancora il momento” di parlare di un tapering, una riduzione degli acquisti di titoli, che sarà annunciata con molto anticipo.

Occorrerà vedere nuovi passi avanti. La ripresa è ancora “incompleta”: ci sono ancora 8,5 milioni di posti di lavoro in meno rispetto a febbraio 2020.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com