"Effetto Trump" in Giappone: è scontro tra Banca centrale e Governo

È scontro tra il governatore della Banca centrale Haruhiko Kuroda e il premier Shinzo Abe: troppo difficile raggiungere l’obiettivo del 2% di inflazione

"Effetto Trump" a Tokyo: è scontro tra Banca centrale e Governo
Tokyo

La terza economia al mondo teme l’escalation della guerra commerciale. Anzi, la Banca centrale nipponica è preoccupata di non poter raggiungere l’obiettivo sull’inflazione (2%), mentre il governo ritiene questo scopo non più necessario. Ecco allora che lo scontro tra il premier Shinzo Abe e il governatore Haruhiko Kuroda ripropone in versione nipponica il duello Trump-Powell. In un discorso davanti al parlamento giapponese, Kuroda alla fine ha ceduto e affermato di prendere in seria considerazione un ulteriore taglio dei tassi di interesse, già bassissimi.

Il Giappone è dipendente dalle importazioni di petrolio, beni alimentari e materie prime. Tuttavia, la politica accomodante perseguita dalla Bank of Japan negli ultimi anni ha fatto apprezzare lo yen, rendendo le importazioni più economiche. Ma il Primo Ministro è comunque giunto alla conclusione che le politiche monetarie da sole non sono sufficienti per raggiungere un'inflazione sostenibile e assicurare una crescita del Pil nel lungo periodo. Sebbene in Giappone la disoccupazione sia a livelli minimali, per lui la priorità è la creazione di posti di lavoro. e ora sollecita misure volte alla creazione di posti di lavoro. E gli hanno offerto un assist anche alcuni economisti secondo i quali l’obiettivo del 2% sul livello dei prezzi al consumo sia, ormai, divenuto superfluo.

È molto probabile che il Giappone tagli i tassi di interesse entro l’anno. Ma non lo farà prima che la stessa decisione sia presa dalla Federal Reserve statunitense.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com