Lo yen è ai minimi in 20 anni sul dollaro e il prezzo del sushi aumenta per la prima volta da decenni

La svalutazione dello yen e le difficoltà di approvvigionamento spingono le grandi catene a rivedere i listini. Quello del settore ittico è un caso particolare: infatti nel paese nipponico normalmente l’inflazione non viene scaricata sui prezzi al consumo bensì sui salari.

Lo yen è ai minimi in 20 anni sul dollaro e il prezzo del sushi aumenta

La crescita del consumo del pesce a livello globale, il deprezzamento dello yen e le criticità di approvvigionamento causate dalla guerra in Ucraina costringono le grandi catene giapponesi del sushi ad aumentare i prezzi al consumo. Non accadeva dagli anni 80. I ristoranti dei ‘Kaiten-sushi’, dove i piatti già preparati passano su un nastro trasportatore, non garantiscono più la classica porzione base da 100 yen (0,70 euro), che da decenni rappresenta lo standard della qualità a prezzi accessibili.

Una delle principali catene presenti in Giappone, la Sushiro, ha annunciato che sarà costretta ad abolire l’offerta da 100 yen alla fine di settembre per la prima volta dal 1984, applicando una maggiorazione di 20 yen sul piattino che generalmente contiene due porzioni di pesce con il riso. Il gruppo importa gran parte del pesce che offre nei suoi ristoranti, e la repentina svalutazione dello yen, ai minimi in 20 anni sul dollaro, incide ormai da mesi sui margini del gruppo. Stesso discorso per la catena Genrokuzushi, la prima ad aver introdotto il concetto di Kaiten-sushi in Giappone, e che ha già applicato una maggiorazione dal 10 maggio.

Un altro aspetto che ha inciso significativamente sull’aumento dei prezzi è la difficoltà nel reperire pesci di alta fascia, tra cui il granchio reale e i ricci di mare, due varietà che provengono rispettivamente per il 90% e il 50% dalla Russia. Lo stesso discorso vale per le uova di salmone prodotte nel Nord Europa, i cui collegamenti aerei con il Giappone sono stati allungati a causa della guerra in corso in Ucraina. Nel 2021 il Giappone ha importato da Mosca prodotti marini per un totale di 138 miliardi di yen (1,10 miliardi di euro), dietro a Cina e Cile, con l’80% delle forniture costituito da salmone rosso.

Quello del settore ittico è un caso particolare: nel paese nipponico infatti normalmente l’inflazione non viene scaricata sui prezzi al consumo bensì sui salari.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Inflazione e psicologia. Perché in Giappone i prezzi al consumo non salgono

L’indice dei prezzi al consumo in Giappone è salito del 2,5% ad aprile rispetto a un anno prima, ma escludendo l’impatto di beni alimentari ed energia, i prezzi sono aumentati solo dello 0,8% rispetto all’anno precedente. La mentalità deflazionistica nipponica tende a scaricare la pressione in altre direzioni. [continua ]

Moneta & Mercati

“L’inflazione somiglia al fumo: una volta che si supera una soglia minima, è molto difficile sfuggire a una sua dipendenza”

L’inflazione attuale sembra destinata a durare. Forse nei prossimi mesi cominceranno a rallentare i prezzi delle materie prime energetiche e alimentari, ma le banche centrali non cambieranno politica. [continua ]

Moneta & Mercati
Vola l’inflazione: è sopra l’85%

Vola l’inflazione in Turchia: è sopra l’85%. Ma Ankara taglia i tassi di interesse

Moneta & Mercati
Inflazione: Italia 11,9%, Germania 10,4% (non accadeva dal 1951), Francia 6

Inflazione: Italia 11,9%, Germania 10,4% (non accadeva dal 1951), Francia 6,2%

Moneta & Mercati
Inflazione, le responsabilità della Bce sono evidenti. Ma Francoforte nega

Inflazione, le responsabilità della Bce sono evidenti. Ma Francoforte nega

Moneta & Mercati
Non è possibile contrastare l’inflazione senza ‘curare’ ...

Non è possibile contrastare l’inflazione senza ‘curare’ la distribuzione del reddito

Moneta & Mercati

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com