F1, gomme Pirelli fino al 2023. Rinnovato il contratto come fornitore unico

F1, gomme Pirelli fino al 2023. Rinnovato il contratto come fornitore unico

La Formula 1 continuerà ad avere gomme italiane fino al 2023. Pirelli, fornitore unico dal 2011, si è aggiudicato l’appalto bandito dalla Federazione internazionale dell’automobile (Fia).

L’annuncio ufficiale è stato dato ad Abu Dhabi, a poche ore dalla partenza dell’ultimo Gp del 2018. “Questo accordo garantisce un futuro stabile a lungo termine per una componente importantissima della Formua 1”, ha commentato Chase Carey, a capo della F1. Anche Jean Todt, presidente della Fia, si è detto soddisfatto di un rinnovo che “ci consente di godere di un’esperienza acquisita dal 2011”. 

Pirelli ha ora di fronte a se una serie di sfide. A partire dal 2021 sarà introdotta la novità più evidente: i cerchi da 18 pollici contro i 13 attuali. Ma ciò che preoccupa di più la multinazionale è il braccio di ferro in atto da tempo tra i piloti e la Fia. I primi vorrebbero meno pit-stop. La Federazione è contraria e punta alla spettacolarizzazione. Ma visto che in pista ci vanno i piloti, guidando hanno capito che riducendo la velocità, quindi il degrado delle gomme, riescono comunque a registrare un tempo di gara complessivo inferiore rispetto a quello rilevato (senza risparmiare troppo le gomme) con 1-2 pit-stop. Ciò è dovuto alle crescenti difficoltà di sorpasso, determinate (in parte all'aerodinamica ma anche) dalla tendenza dei pneumatici a surriscaldarsi in poco più di un giro quando due vetture girano molto ravvicinate tra loro.

Seguendo le indicazioni dei piloti, Pirelli sta provando a produrre pneumatici più performanti, ma non sarà facile (oltre che riuscire ad accontentare anche il datore di lavoro) produrre gomme che durino di più rallentando il degrado e il surriscaldamento.

Ma il punto è proprio questo. Il capo del Team Mercedes, Toto Wolff, ha ammesso che “negli anni passati abbiamo semplicemente chiesto a Pirelli di fare le cose sbagliate. Invece di rendere le mescole più morbide, cercando di accelerare il degrado e quindi più pit stop, abbiamo bisogno di pneumatici più robusti, che Pirelli è perfettamente in grado di produrre.” Il che suona più come un invito diretto alla loro realizzazione, piuttosto che un endorsement rivolto all'azienda.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com