Fisco, la progressività prevista dalla Costituzione è davvero attuata?

L’art. 53 della Costituzione italiana parla chiaro: “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.” Già ma questa parte della Costituzione è davvero applicata? Il sistema fiscale piuttosto appare come un Lego i cui pezzi sono messi a casaccio componendo una costruzione di interventi erratici dettati da una qualche esigenza immediata.

Fisco, la progressività è davvero attuata?

Il disegno finale è poco comprensibile e soprattutto inefficiente.

La progressività oggi è un concetto che vale principalmente per i dipendenti e i pensionati. Il resto del sistema fiscale non è (all’atto pratico) progressivo. Se si possiede un immobile o 100 in affitto la cedolare secca non muta. Se si detengono 100 mila euro in Btp o 100 milioni, l’aliquota è sempre il 12,5%.

In sostanza la progressività è concentrata sul reddito da lavoro, mentre ciò che genera la vera ricchezza (sostanzialmente le rendite) è soggetto a una tassazione ‘light’ e fissa.

Non sarebbe ora il momento giusto per attuare finalmente l’art. 53 della Costituzione? E perché non ragionare sulla possibilità di spostare la tassazione su consumi e rendite cominciando così a liberare dalla morsa del fisco il reddito da lavoro?

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com