La scuola (non) è una fabbrica

La scuola (non) è una fabbrica

Con la diffusione del virus SARS-CoV-2 e relativa diffusione pandemica della malattia associata denominata COVID-19, il sistema scolastico italiano è stato sottoposto ad una forte onda d’urto che lo ha costretto a fermare le attività didattiche in presenza (dal 5 marzo su tutto il territorio nazionale) e ad attivare una modalità didattica “a distanza” (la cosiddetta DaD).

A pochi giorni dalla riapertura, le indicazioni ministeriali e relativi provvedimenti (Piano scuola 2020-2021 del 26 giugno 2020, protocollo di sicurezza del 06.08.2020, Linee guida per la D.D.I. - Didattica Digitale Integrata) emanate dal Governo per la prevenzione, il contenimento e la gestione del (eventuale) contagio sono oggetto di polemiche di varia natura.



Una di queste, probabilmente tra le più mediaticamente rilevanti, riguarda la fornitura, a richiesta, dei banchi monoposto, quelli “con le rotelle”, per usare la sprezzante dicitura utilizzata. Perché questa feroce polemica e altrettanta attenzione mediatica? Nonostante da circa venti anni, ossia dall’introduzione della Legge “Bassanini” sull’autonomia (Legge 15 Marzo 1997 n. 59), la scuola sia stata interessata da innovazioni organizzative, non altrettanto è avvenuto in termini di innovazione didattica. Del resto, la stessa autonomia, è piuttosto lontana dall’essere un punto di arrivo e l’introduzione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione ha seguito un percorso randomico, spesso teso ad introdurre ferraglia tecnologica senza alcuna reale modifica del paradigma didattico complessivo.


Sia ben chiaro che questo non vale sempre e, anzi, ci sono non pochi casi di istituti che hanno innovato e continuano a farlo, seguendo una linea chiara di sinergia tra la normativa, la tecnologia e la didattica. Ma la scuola italiana resta ancorata, nella stragrande maggioranza e nell’immaginario collettivo, ad alcuni capisaldi dell’impianto gentiliano a partire dall’unità oraria scandita dalla campanella o dallo spazio fisico dell’aula/laboratorio come luogo unico e sacro ove il sapere si genera e si trasmette.

Come in ogni organizzazione, lo spazio fisico (il layout) non è una invariante rispetto alle attività che in esso si svolgono. Si pensi ad una fabbrica automotive. I paradigmi produttivi, nel corso di un secolo, si sono evoluti passando dallo Scientific Management di Taylor (attuato dalla Ford) alla Lean Production, passando attraverso il TQM (Total Quality Management) di Deming e Juran, attuato dalla Toyota, spostando il focus dall’efficienza alla flessibilità, dall’alienazione all’empowerment.

Ecco, sembra che tutto questo, per la scuola, non sia mai accaduto. Il guaio è che il problema non sembra essere solo italiano ma ben più ampio a livello geografico. Sir Ken Robinson, educatore e scrittore britannico, recentemente scomparso, affermava che i sistemi educativi sono modellati sugli interessi dell’età industriale (intesa come quella della rivoluzione industriale dei primi del ‘900) e Seth Godin, scrittore e imprenditore statunitense, rincara la dose, affermando che l’unico intento dei sistemi di istruzione è abituare i ragazzi a lavorare in una fabbrica.

Ma quanto è diverso il lavoro in fabbrica? Molto, anzi moltissimo. Cosa è cambiato? L’orario di lavoro, le competenze, la postazione, la strumentazione, la capacità di pensare con le macchine, la flessibilità intesa come leva strategica di adattamento al cambiamento organizzativo. Ora, dire che “anche i vecchi banchi si possono spostare” è vero (chi scrive, da anni pratica una didattica con un laboratorio mobile in aule “tradizionali” nelle quali modifica il layout: www.comakinglab.education). Però è vero anche che il tempo di setup, per usare ancora una metafora della produzione, si riduce notevolmente usando delle sedie che facilitano modifiche rapide di setting d’aula.

Il nodo cruciale è: si ha in mente una didattica diversa da quella trasmissiva o, ancora meglio, una didattica che utilizzi vari metodologie (plurale) differenti nella medesima attività didattica? Ecco perché avrebbe senso parlare di ambienti (e setting) didattici, più che di sedie/banchi/cattedra. Perché parafrasando Arthur Bloch, umorista e scrittore statunitense, “se usi solo un martello, prima o poi tutto ti sembrerà un chiodo da battere”.

Sento spesso dire che “la scuola non è una azienda”, soprattutto da coloro i quali hanno avversato l’alternanza scuola-lavoro (ora PCTO - Percorsi per le Competenze Trasversali e Orientamento).
 Sarà anche vero, forse. Ma nemmeno può essere una fabbrica Ford 1920 che produce un unico modello monocolore di autovettura!

Domenico Aprile, PhD in Advanced Production Systems, Insegnante di Informatica

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com