Lezioni americane. Ecco perché Trump ha vinto comunque

Lezioni americane. Ecco perché Trump ha vinto comunque

In attesa del risultato definitivo su chi sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti, qualcosa è già evidente. L’operato di Trump, sia all’interno del proprio paese sia nei confronti dell’estero, è criticabile. Spesso su questo sito la politica economica trumpiana è stata messa in discussione nella forma e anche nella sostanza. A tal punto che (anche per noi di ‘quoted business’) una sonora sconfitta sembrava alle porte per The Donald. Invece, il tycoon dai modi arroganti ed elefantiaci è lì a giocarsela fino in fondo. Come è possibile?

Trump è evidentemente riuscito a parlare alla pancia delle persone soprattutto quelle con livelli di istruzione medio-bassi. Populismo? Sì, certo, c’è molto populismo nei concetti del presidente Usa. Ma non c’è solo questo. Ed è da qui che comincia la vera sconfitta dei democratici.

In realtà la maggioranza degli statunitensi considera Trump più vicino alla loro realtà quotidiana. Gli Stati Uniti non sono soltanto la California e New York, avamposti di innovazione (economica, politica e sociale). La prima economia al mondo è ancora largamente basata sul vecchio modello ‘fossile’. E il New Green Deal non scalda certo il cuore degli Stati (numerosi) dove ancora oggi il petrolio e le risorse minerarie costituiscono il cuore pulsante dell’industria. E quindi del lavoro.

Ecco allora che i democratici si sono troppo inborghesiti. Non sanno più capire (e quindi parlare) al ‘popolo’ che ha in parte riassorbito la vecchia classe media, cosa che invece riesce meglio ai repubblicani (loro sì perlopiù di estrazione borghese).

Intendiamoci, parlare ad esempio di rivoluzione verde è condivisibile, ampiamente condivisibile. Ma non è questa la carta vincente. L’errore è parlare solo di grandi progetti, riforme epocali (mancate; ad esempio quella sanitaria di Obama è riuscita solo in parte) e cambiamenti strutturali, dimenticando che la realtà delle persone è condita di quotidianità. E prima di arrivare all’agognato Eldorado bisognerà pure trovare un modo per traghettarsi al di là del fiume.

I democratici sembrano non aver capito come colmare questo gap. E la conseguenza, che poi diventa l’errore fatale, è tacciare Trump come populista. C’è dell’altro, che alla fine conta. Eccome. Ma l’imborghesimento dei democratici annebbia la vista e impedisce di apprezzare questo gap. Il Pd, nel nostro Paese, dovrebbe forse prendere appunti?

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com