Il virologo Silvestri: “I modelli matematici hanno fallito”

Il medico: “Avevano paventato 151 mila malati in terapia intensiva all’inizio di giugno. Invece sono 286. E dopo 20 giorni dalle aperture di maggio, non c'è alcun segno di un ritorno della pandemia”

Il virologo Silvestri: “I modelli matematici hanno fallito”

“Oggi è il fatidico 8 giugno. Quello che, se non stavamo attenti, avremmo avuto 151 mila malati in terapia intensiva. Invece sono 286. E dopo 20 giorni dalle aperture di maggio, non c’è alcun segno di quel ritorno della pandemia che certi esperti davano per scontato.”È quanto sostiene il virologo Guido Silvestri.

I dati mostrano – secondo il medico - che sono stati “inadeguati a prevedere l’andamento reale dell’epidemia”, osserva lo scienziato italiano docente negli Usa alla Emory University di Atlanta.

“Prima del 4 maggio - ricorda Silvestri - gli autori dei modelli matematici sugli effetti della fase 2 che si stava pianificando, basandosi su modelli matematici hanno detto al Paese: ‘Sappiate che, non appena si riapre, i casi sicuramente saliranno. Di poco se riapriamo un po’, tantissimo se riapriamo molto’. In altre parole, ci aspettava un disastro. Le cose sono andate come sappiamo”.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com