Ibm: “Stop al riconoscimento facciale per la sorveglianza di massa”

Il Ceo al Congresso Usa: “Serve una legge per l’uguaglianza razziale”

Ibm: “Stop al riconoscimento facciale per la sorveglianza di massa”

Ibm esce dal mercato del riconoscimento facciale e rivendica la propria contrarietà all’uso di questa tecnologia per la “sorveglianza di massa, profilazione razziale, violazione delle libertà e dei diritti umani”. Lo ha reso noto l’amministratore delegato della società, Arvind Krishna, in una lettera al Congresso americano in cui ha chiesto una legge per la giustizia razziale.

“Riteniamo che sia giunto il momento di avviare un dialogo nazionale sul se e sul come – spiega Krishna - la tecnologia per il riconoscimento facciale dovrebbe essere impiegata dalle forze dell’ordine”.

L’ad ha poi esortato il Congresso a impegnarsi in riforme per la giustizia razziale, tra cui la revisione dell’immunità qualificata che protegge le forze dell’ordine e impedisce ai cittadini di chiedere i danni se un agente viola i loro diritti costituzionali.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com