Dieselgate, Porsche condannata a pagare 535 mln di euro

Dieselgate, Porsche condannata a pagare 535 mln di euro

Una multa da 535 milioni di euro è stata inflitta a Porsche per il coinvolgimento nello scandalo "dieselgate" scoppiato nel 2015. Per il Gruppo Volkswagen è l'ultima di una serie di ammende per aver manomesso il software installato sulle auto al fine di celare l’effettivo livello delle emissioni nocive dei motori diesel.

L’ennesima stangata arriva due settimane dopo l’ammissione della casa tedesca: i veicoli coinvolti a livello globale sono 11 milioni. Era il 18 settembre 2015. La crisi che ne seguì alla fine avrebbe preso alcune svolte inaspettate. Migliaia di investitori hanno citato in giudizio l'azienda per le perdite subite a causa dell’affaire. E sono centinaia di migliaia i proprietari di auto ad aver chiesto il risarcimento.

In una nota, pensando di rassicurare i mercati, Porsche ha dichiarato che il costo della multa è stato incluso in un accantonamento di circa 1 miliardo di euro deciso da VW nel primo trimestre. Intanto, il dieselgate è finora costato al colosso tedesco 30 mld.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com