Lufthansa, più dividendi per frenare la fuga degli investitori

Lufthansa, più dividendi per frenare la fuga degli investitori

Sono troppi due "profit warning" nello stesso anno fiscale. Così, il più grande vettore europeo, prova a frenare la possibile fuga degli investitori dal titolo.

Lufthansa ha rimesso le mani nel meccanismo dei dividendi alzando il premio ad una forbice che va dal 20% fino al 40% dell'utile netto adjusted - che non considera le voci di tipo straordinario.

Un sistema che dovrebbe garantire, per quanto possibile, una maggiore flessibilità nel pagare dei dividendi più appetitosi per gli azionisti. In precedenza, Lufthansa, provvedeva a elargire somme comprese tra il 10% e il 25% del risultato operativo, che però creavano un certo malumore visto che nel corso del 2018 il premio fu limitato ad uno striminzito tetto di 80 centesimi per azione.

Fonte

Articoli correlati

Lufthansa, crollano gli utili nel secondo trimestre -70%

Lufthansa, crollano gli utili nel secondo trimestre -70%

Corporate

Mercedes-AMG M 139, il 4 cilindri più potente al mondo

L'obiettivo era evidente: puntare sullo sviluppo di diesel più puliti ed efficienti, cercando di non demonizzare questa tecnologia ma migliorarla. E in Mercedes Benz sembrano aver centrato l’obiettivo, grazie a un investimento che ammonta a 3 miliardi di euro. Il primo risultato è il motore da 2,0 litri M 139 di Mercedes-AMG, completamente rivisitato. Con una potenza massima di 421 CV è il quattro cilindri di serie più potente al mondo. [continua ]

Mobilità
Dieselgate, Porsche condannata a pagare 535 mln di euro

Dieselgate, Porsche condannata a pagare 535 mln di euro

Mobilità
Volkswagen supera le attese. Ma gli utili scendono

Volkswagen supera le attese. Ma gli utili scendono

Mobilità
Volkswagen, l'ex ceo Winterkorn accusato di frode per il dieselgate

Volkswagen, l'ex ceo Winterkorn accusato di frode per il dieselgate

Mobilità

Una Smart di troppo. Daimler pensa alla cessione

Entro la fine del 2019 Daimler-Mercedes potrebbe cedere il marchio Smart. L'anticipazione è stata diffusa nei giorni scorsi dalla nota testata tedesca Handelsblatt, secondo cui la decisione coinciderebbe con l'arrivo di Ola Källenius alla guida del colosso dell'automotive. Smart è, infatti, considerata ormai un ramo secco. Perennemente in perdita, nel 2018 ha visto l’utile precipitare (-29%). Nonostante le modeste performance di bilancio, Geely potrebbe essere interessata all’acquisto. [continua ]

Mobilità

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com