Ryanair: 3.000 licenziamenti e tagli agli stipendi. Addio alle compagnie low-cost?

La crisi si sta abbattendo su tutto il settore aereo. Ma il prezzo più alto potrebbe essere pagato dalle compagnie low-cost

Ryanair: 3.000 licenziamenti e tagli agli stipendi. Addio low-cost?

La compagnia aerea low cost irlandese Ryanair prevede di tagliare 3.000 posti di lavoro a causa della crisi del settore provocata dalla pandemia di coronavirus. Gli esuberi, che riguarderanno soprattutto i piloti e gli assistenti di volo, sono previsti dal prossimo luglio. Lo ha annunciato la stessa società.

È stato inoltre annunciato che gran parte dei suoi aerei rimarranno a terra almeno fino a luglio e prevede che la domanda nel settore non riprenderà prima dell’estate del 2022.

Il vettore prevede poi di tagliare gli stipendi fino al 20% e di chiudere numerose basi in Europa. Da parte sua, l’ad Michael O'Leary ha concordato una riduzione della sua retribuzione del 50% fino al marzo del 2021.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com