Uber non può più operare a Londra

Le Autorità comunali hanno negato il rinnovo della licenza al colosso Usa che nella capitale britannica ha 45 mila autisti

Uber non può più operare a Londra

Uber bandita a Londra.Le autorità municipali della capitale britannica hanno annunciato di aver negato il rinnovo della licenza al colosso statunitense dei taxi online facendo riferimento a “violazioni”delle regole che mettono a rischio i passeggeri e la loro sicurezza.

L’azienda, che può contare a Londra su 45 mila autisti,potrà fare appello entro 21 giorni e restare attiva finché non verrà esaminato. Transport for London (Tfl), l’agenzia comunale dei trasporti, aveva già sospeso Uber nel 2017, salvo concedere poi due proroghe, l'ultima scaduta il 24 novembre.

Tfl ha ricordato di aver contestato violazioni e negligenze a Uber nell’ambito del conflitto legale innescatosi già due anni fa, sottolineando come l’azienda vi abbia posto rimedio solo in parte. Uber ha replicato bollando la decisione dell’Autorità municipale “incredibile e sbagliata”. 

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com