Più di 100 paesi chiedono un’inchiesta sul Covid-19. La Cina prende tempo

Il presidente cinese ha chiarito che l’indagine ci sarà ma solo quando l’emergenza sarà sotto controllo

Più di 100 paesi chiedono un’inchiesta sul Covid-19. La Cina prende tempo

Oltre 100 Paesi appoggiano la bozza di risoluzione proposta dall’Ue per un’inchiesta indipendente sulle origini del coronavirus. È stata presentata all’Oms durante la 73° edizione dell’Assemblea mondiale della sanità che si tiene a Ginevra il 18-19 maggio.

Ma la Cina ritiene “prematuro" allo stato l'avvio di un'indagine su origini e diffusione della pandemia del Covid-19 che finora ha colpito più di 4,7 milioni di persone nel mondo, uccidendone oltre 315.000.

“La Cina ha agito con trasparenza e rapidità, fornendo tutte le informazioni in tempo utile e aiutando con tutti i mezzi i Paesi che ne avevano bisogno - ha detto il presidente cinese Xi Jinping -. Ci vorrà un’indagine esaustiva sul Covid-19 basata su scienza ed eseguita con professionalità ma solo quando l’emergenza sarà sotto controllo”.

Il leader cinese ha anche annunciato che Pechino donerà “2 miliardi di dollari” all’Organizzazione per combattere il coronavirus e che se Pechino dovesse trovare un vaccino contro il Covid-19 ne farebbe “un bene pubblico mondiale”.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com