Tra Eurozona, Cina e Usa, chi frena la crescita globale?

Da alcuni mesi è in atto una fuga di capitali senza precedenti nella seconda economia al mondo, in seguito alla normalizzazione monetaria della Federal Reserve, ma anche dell’incertezza legata alle prospettive del rapporto di Pechino con Mosca ed a possibili sanzioni secondarie

Tra Eurozona, Cina e Usa, chi frena la crescita globale?

Nonostante le prove di forza della Russia, che attraverso la chiusura dei rubinetti del gas di Polonia e Bulgaria minaccia l’Europa intera, le prospettive per l’economia di Mosca si fanno cupe per ammissione dello stesso Governo che prevede per quest’anno una contrazione del Pil dell’8,8%.

L’Ue intanto si accinge a varare il sesto pacchetto di sanzioni, focalizzato sull’embargo (graduale) al petrolio russo. Ma se trovare una piena convergenza di vedute non è semplice a livello comunitario, lo è a maggior ragione in seno al G20. Eppure sarebbe urgente trovare soluzioni per arginare una crisi del debito nei Paesi in via di sviluppo, che potrebbe peraltro mettere a repentaglio la transizione green in questi Stati.

Continua allo stesso tempo una fase preoccupante per l’economia cinese, anche a livello finanziario: da alcuni mesi è in atto una fuga di capitali senza precedenti, frutto della normalizzazione monetaria della Federal Reserve (la Banca centrale statunitense), ma anche dell’incertezza legata alle prospettive del rapporto di Pechino con Mosca ed a possibili sanzioni secondarie. Ecco, quest’ultimo aspetto, qualora attuato, cambierebbe radicalmente il quadro macroeconomico internazionale, molto più di quanto finora determinato dalle sanzioni sino ad ora adottate contro la Russia.

Un dato è invece certo: la crescita economica mondiale (misurata in termini relativi) è destinata a scendere. Ma tra Eurozona, Cina e Usa chi frena il Pil globale? Il seguente grafico fornisce una risposta.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’economia tedesca è troppo dipendente dalla Cina?

L’economia tedesca è troppo dipendente dalla Cina?

Global
Brics versus Bricasi

Brics, Argentina e Iran verso il blocco formato da Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa

Global

Quali paesi stanno comprando combustibili fossili russi? L’Ue è prima con il 54% per un valore di 85 mld, seguita dalla Cina (con ‘appena’ 35 mld)

In sei mesi Mosca ha guadagnato 158 miliardi di euro dalle esportazioni di combustibili: gli incassi della Russia da gas e petrolio superano i costi della guerra. [continua ]

Global

La narrativa secondo cui l’Occidente è nobile mentre Russia e Cina sono malvagie è ingenua e pericolosa

Dal 1980 gli Usa sono stati coinvolti in almeno 15 guerre all’estero; nessun coinvolgimento invece per la Cina e ‘solo’ 1 per la Russia. La paura nei confronti di Pechino e Mosca viene venduta al pubblico occidentale attraverso la manipolazione dei fatti. Al centro c’è il tentativo degli Stati Uniti di rimanere la potenza egemonica mondiale. Ma Washington può contare ‘soltanto’ sul 4,2% della popolazione mondiale e sul 16% del Pil globale. [continua ]

Global
India, Cina e Usa sul podio dell’economia globale

India, Cina e Usa sul podio dell’economia globale

Economia
quoted business

Cina: “Gli Usa smettano di creare conflitti e farsi nemici. La Nato è una sfida sistemica alla pace e alla stabilità mondiali”. Usa: “Possibile che Mosca usi armi nucleari”. Russia: “Risponderemo se la Nato schiera truppe in Svezia e Finlandia”

Usa-Russia-Cina: il quadro si complica? [continua ]

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com