Il G7 conta ancora?

Le sette economie (Usa, Giappone, Germania, Regno Unito, Italia, Canada, Francia) producevano nel 1990 il 66% del Pil globale, oggi il 46%. Il peso dei 7 sul commercio mondiale è passato dal 52% al 30%, mentre la popolazione dal 12% al 10%. L’unica possibilità per non essere fagocitati da altri paesi, a cominciare da Cina e India, è trasformarsi da soggetti esclusivi a inclusivi, abbracciando relazioni con nuovi paesi emergenti.

Il G7 conta ancora?

Il G7 rappresenta ancora un formato attuale o è oramai sulla via dell’irrilevanza, in un mondo caratterizzato da nuovi blocchi di potere e da una crescente frammentazione geopolitica?

Osservando la classifica attuale in base al Pil tra i membri “di diritto” del G7 ci sarebbero anche Cina e India, mentre Italia e Canada sarebbero fuori dal club. E non da oggi.

In realtà, oggi il G7 va considerato principalmente per il suo significato geopolitico, ovvero come il gruppo delle principali democrazie occidentali. Un gruppo sempre più minoritario e che dunque sta cercando di fronteggiare il timore di ritrovarsi non più alla guida del mondo diventando più inclusivo e coinvolgendo anche altri Paesi che fanno parte del G20.

Ad esempio, al vertice di Elmau (in questi giorni) sono stati invitati anche cinque Paesi partner: Argentina, India, Indonesia (che è presidente di turno del G20), Senegal e Sudafrica.

Il fatto che Delhi e Pretoria facciano parte, insieme a Brasile, Cina e Russia, anche dei paesi indicati con l’acronimo Brics (il cui vertice si è appena svolto sotto la presidenza cinese ed è terminato senza alcuna condanna nei confronti di Mosca) rivela che le relazioni internazionali di oggi sono ormai a “geometrie variabili”.

In questa ottica, i paesi dell’attuale G7 sembrano aver preso coscienza del rischio a cui vanno incontro, l’irrilevanza, e così il nuovo obiettivo è non restare isolati, cercando piuttosto di attivare contatti con il maggior numero possibile di partner.

Anche perché i numeri pure in questo caso sono spietati. Ad esempio, nel 1990 le economie del G7 producevano il 66% del Pil globale, oggi il 46%. Il commercio mondiale è passato dal 52% al 30%, la popolazione globale dal 12% al 10%. Il rischio è quello di restare con il cerino in mano e ritrovarsi a canticchiare, sulle parole di Antonello Venditti, “ci vorrebbe un amico”.

(fonte: Banca Mondiale)
(fonte: Banca Mondiale)
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Futuro del multilateralismo: G20 meno 1? G7 più 2? G4 più 2?

Futuro del multilateralismo: G20 meno 1? G7 più 2? G4 più 2?

Global
“Non si fa così”, il fuorionda in cui Xi rimprovera Trudeau al G20

“Non si fa così”, il fuorionda in cui Xi rimprovera Trudeau al G20

Global

Il formato Brics si allarga da 5 a 8 paesi? L’Algeria chiede di aderire

A Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa potrebbe presto aggiungersi il paese nordafricano. Nei mesi scorsi anche Argentina e Iran hanno ipotizzato di unirsi al gruppo di 5 Stati che al momento rappresentano oltre il 40% della popolazione mondiale e circa il 26% dell’economia globale. [continua ]

Global
Brics versus Bricasi

Brics, Argentina e Iran verso il blocco formato da Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa

Global

Dopo l’Ue, anche il G7 rinvia all’autunno l’idea di Draghi sul gas

Il rinvio a settembre/ottobre della decisione in merito alla fissazione di un tetto massimo al prezzo del gas potrebbe essere tardivo e forse inutile. Mentre sull’oro blu si vedrà, il G7 ha dato l’ok a quello sul petrolio. Ma anche se si decidesse di bloccare il prezzo del gas chi pagherebbe la differenza rispetto al prezzo di mercato: i governi nazionali o l’Ue? [continua ]

Global
quoted business

I numeri dei 5 paesi BRICS: il 23% del Pil globale, il 17% degli interscambi, e il 40% della popolazione mondiale

Xi Jinping ha ribadito che a suo parere l’ordine mondiale è ormai multipolare, aggiungendo che le sanzioni contro la Russia sono “arbitrarie” e “un boomerang”. Cosa unisce e cosa invece divide i 5 paesi. [continua ]

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com