Usa verso la vendita di armi a Taiwan. Stop di Pechino

Usa verso la vendita di armi a Taiwan. Stop di Pechino

Il Dipartimento di Stato statunitense ha approvato la vendita a Taiwan di armamenti per 2,2 miliardi di dollari. L'annuncio ha irritato Pechino, che considera Taiwan parte del proprio territorio e ha precedentemente espresso "serie preoccupazioni" sulla scelta degli Usa.

L'intesa includerebbe 108 carri armati Abrams e circa 250 missili Stinger. I legislatori statunitensi hanno 30 giorni di tempo per opporsi alla vendita, ma è improbabile che lo facciano.

Tuttavia, la Cina chiede agli Usa "il ritiro immediato della vendita di armi a Taiwan". Lo ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Geng Shuang.

Fonte

Articoli correlati

Trump: veto sulla legge che blocca la vendita di armi a Riad

Cnn

Trump: veto sulla legge che blocca la vendita di armi ai sauditi. In gioco 110 mld

Global
Dazi contro l’Ue per 4 mld. Nel mirino anche il Parmigiano

Usa: dazi contro l’Ue per 4 mld. Nel mirino anche il Parmigiano

Global

Si riduce l’export di armi italiane. Ma i Paesi più instabili restano tra i maggiori acquirenti

Le vendite effettive scendono moderatamente e la platea di acquirenti è per il 70% composta da Paesi extra Ue o extra Nato. È questo il profilo delle esportazioni italiane di armi nel 2018 tracciato dalla Relazione governativa sull’export italiano di armamenti, secondo quanto riferito da Rete Disarmo. Nel 2018 l’Italia ha esportato armi 2,5 miliardi di euro, con una flessione di circa il 12%. [continua ]

Global
Berlino estende il divieto di vendita di armi

La Germania estende il divieto di vendita di armi all'Arabia Saudita

Global
L'India sfida le sanzioni imposte alla Russia dagli Usa. E acquista armi

New Delhi sfida le sanzioni imposte da Washington a Mosca. E acquista armi

Global

Uil

Irpef a tre aliquote: "Al massimo risparmi per 41 euro al mese"

La riduzione delle aliquote Irpef da cinque a tre, tra le ipotesi al vaglio del governo in alternativa alla cosiddetta flat tax, porterebbe un vantaggio solo a pochi lavoratori dipendenti e pensionati: a 30 mila euro di reddito il beneficio sarebbe di 41 euro mensili, a 20 mila di solo 15 euro. Un supersconto, di oltre 3 mila euro, si avrebbe solo con redditi superiori a 100 mila euro, che riguardano l'1,18% dei dipendenti e pensionati. [continua ]

Finanza pubblica

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com