Macron attacca Erdogan: “Il vostro gioco è pericoloso”. E ripete: “La Nato è in stato di morte cerebrale”

Egitto: “Pronti alla guerra in Libia”

Macron a Erdogan: “Il vostro gioco è pericoloso”

“Penso che la Turchia in Libia stia giocando un gioco pericoloso, contravvenendo a tutti gli impegni presi durante la conferenza di Berlino”. Il presidente francese Emmanuel Macron interviene sulla guerra nel paese nordafricano.

E lo fa per accusare duramente Recep Tayyip Erdogan di ammassare armi e militari contro le risoluzioni dell’Onu e la dichiarazione finale della riunione di Berlino del gennaio scorso, quella in cui tutti i paesi della regione si erano impegnati a interrompere ogni interferenza nella guerra civile libica.

Per Macron questo comportamento della Turchia, paese membro (e secondo esercito per dimensione) della Nato, “conferma la morte cerebrale dell’Alleanza”. È una definizione che Macron aveva dato alcuni mesi fa in un’intervista all'Economist, quando oltre ad attaccare Ankara aveva lamentato il silenzio degli Stati Uniti.

Adesso che la Turchia è riuscita a respingere Haftar da Tripoli e di fatto a ripulire quasi tutta la Tripolitania dalle sue milizie, chi ha reagito per primo è stato l’Egitto. Il presidente Sisi ha detto che se la Libia proverà ad attaccare per riprendere possesso delle città Sirte e Jufra, “per l’Egitto sarà come oltrepassare una linea rossa e noi ci sentiremo autorizzati a intervenire”. 

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Secondo quoted business

Aumentano i fondi italiani alla Guardia costiera libica

Il Parlamento ha dato l’ok alla delibera che autorizza e proroga le missioni militari italiane all’estero. Crescono di mezzo milione di euro i finanziamenti destinati al blocco dei flussi migratori: passati da 10 mln nel 2020 a 10,5 nel 2021. In totale 32,6 mln destinati alla Guardia Costiera libica dal 2017 e salgono a 271 i mln spesi dall’Italia per le missioni nel paese nord africano. Dall’inizio dell’anno oltre 720 vittime lungo la rotta del Mediterraneo centrale, almeno 7.135 dalla firma dell’accordo tra Italia e Libia. [continua ]

Global

Quanti soldi diamo alla Libia per fermare i migranti?

“Le immagini dei bambini morti sulle spiagge della Libia sono inaccettabili”. Si è espresso così Mario Draghi al termine del Consiglio europeo, che mostra tutte le resistenze continentali verso una riforma organica del dossier immigrazione. Entro giugno si arriverà al massimo a un patto intergovernativo che garantisca la suddivisione dei migranti tra alcuni dei Paesi membri. Intanto, dal 2017, l’Italia ha speso in Libia 784,3 mln di euro. Ma la destinazione finale di questi fondi non è nota. [continua ]

Global
quoted business

Draghi in Libia. Obiettivo: una nuova leadership dell’Italia nel paese nordafricano

È la prima all’estero per il presidente del Consiglio.cPer l’Italia tornano così ad aprirsi spiragli economici, diplomatici e sui migranti. Sono questi i tre dossier al centro della missione di Draghi [continua ]

Global
Il paese celebra i 10 anni dall’inizio della rivoluzione contro Gheddafi

La Libia celebra i 10 anni dall’inizio della rivoluzione contro Gheddafi

Global
 La Turchia prende il controllo della Guardia costiera libica
quoted business

La Turchia prende il controllo della Guardia costiera libica

Global
Cessate il fuoco e nuove elezioni a marzo. Il paese è a una svolta?

Cessate il fuoco e nuove elezioni a marzo. La Libia è a una svolta?

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com