Il peggior dato dal 2012: scende del 5,5% la produzione industriale in Italia

Il peggior dato dal 2012: scende del 5,5% la produzione industriale

Un nuovo brutto segnale, sebbene atteso, arriva dalla produzione industriale. A dicembre segna rispetto al mese precedente un calo dello 0,8%. Lo rileva l’Istat, spiegando che si tratta della quarta contrazione consecutiva. Su base annua l’indice risulta in ribasso del 5,5% (dato corretto per gli effetti di calendario). Si tratta della diminuzione tendenziale più accentuata degli ultimi sei anni.

Il dato italiano segue di pochi giorni quello tedesco. E anche in questo caso la notizia non è stata positiva: la produzione è diminuita dello 0,4% a dicembre, ben al di sotto di una previsione di rimbalzo dello 0.9% attesa dagli analisti.

I dati ufficiali mostrano così l’ultimo di una serie di segnali che indicano il deciso rallentamento della più grande economia europea. Qualche giorno prima anche l’indicatore che aveva evidenziato ordini in calo tra le imprese manifatturiere, la spina dorsale dell’economia tedesca, aveva fatto intuire che la produzione sarebbe scesa, ma non così tanto.

A soffrire ora non è più soltanto la terza economia dell’Eurozona, ovvero l’Italia, ma anche la prima.

Fonte

Articoli correlati

Francia e Germania, servono nuove regole per l’industria europea

quoted business

Francia e Germania, servono nuove regole per l’industria europea

Ue
Economia
Industria, brusco calo di ordini e fatturato a dicembre

Italia, brusco calo di ordini e fatturato dell'industria a dicembre

Economia
Industria, crolla la produzione. Aumenta il rischio recessione

Crolla anche in Italia la produzione industriale. Ue a rischio recessione

Economia
Frase del giorno - Parole

Nel primo trimestre del 2019 la produzione industriale italiana è rimasta quasi piatta, con un calo stimato dello 0,1%, dopo il forte arretramento di fine 2018.

Economia

Crescita zero nel 2019

Prima sono arrivate le stime allarmistiche delle organizzazioni internazionali, poi sono giunte anche quelle comunitarie e nazionali. E adesso un’altra doccia gelata, stavolta da Confindustria. Il centro studi degli industriali ha corretto al ribasso le stime di crescita dell'esecutivo, prevedendo un dato nullo nel 2019 (contro il + 0,9% della stima precedente) e un +0,4% nel 2020. [continua ]

Economia

Fatturato industria, solo +0,1% a novembre. Rallenta la crescita e pesa la domanda interna

Anche i dati su fatturato e ordinativi non offrono segnali incoraggianti sullo stato di salute dell’industria in Italia. A novembre l'Istat registra un aumento dello 0,1% delle vendite rispetto al mese precedente. Ma se si esclude il comparto dell’energia, emerge una riduzione dello 0,2%. Anche gli ordini scendono dello 0,2%. Su base annua segnano, rispettivamente, un incremento dello 0,6% e una flessione del 2%. [continua ]

Economia

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com