Nel primo trimestre la produzione industriale italiana è rimasta piatta

Nel primo trimestre del 2019 la produzione industriale italiana è rimasta quasi piatta, con un calo stimato dello 0,1%, dopo il forte arretramento di fine 2018.

Centro studi di Confindustria

Visto da qb

Secondo il Centro studi di Confindustria, in Italia la domanda interna è stata ancora debole (specie negli investimenti) e quella estera ha risentito del rallentamento globale. Il contributo dell'industria alla dinamica del Pil è, quindi, considerato nullo e le prospettive sono orientate al ribasso.

Fonte

Articoli correlati

Scende la produzione industriale. Crolla il settore auto: -17,1%

Ad aprile 2019 l’Istat rileva per la produzione industriale la seconda flessione congiunturale, dopo gli aumenti di inizio anno, con un calo dello 0,7% rispetto al mese precedente. Anche su base annua è osservabile una contrazione dell’1,5%. Da marzo l’indice è, invece, in aumento ma solo per il comparto energia (+3,6%). Sono al contrario negativi i beni strumentali (-2,5%), intermedi (-0,7%) e di consumo (-0,5%). [continua ]

Economia
Il peggior dato dal 2012: scende del 5,5% la produzione industriale

Il peggior dato dal 2012: scende del 5,5% la produzione industriale in Italia

Economia
Industria, crolla la produzione. Aumenta il rischio recessione

Crolla anche in Italia la produzione industriale. Ue a rischio recessione

Economia
211 mld: tanto vale l'economia sommersa

211 miliardi: tanto vale l'economia sommersa

Economia
Investire in cultura fa bene anche all’economia

Investire in cultura fa bene (anche) all’economia: i musei statali valgono l’1,6% del Pil

Economia

quoted business

Gualtieri: “Nessuna tassa sul contante. Alle Pmi 2 mld in 3 anni”

Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, fa chiarezza su una serie di punti riguardanti la strategia del governo. Primo aspetto focale: “Non intendiamo tassare il contante”. Poi un’altra puntualizzazione: “Il bonus degli 80 euro non sarà eliminato e non verranno spostati per sostenere il pacchetto famiglia”. Confermato l’impegno verso le Pmi: “In arrivo nuove risorse per oltre 2 mld nel triennio attraverso il fondo di garanzia”, ha spiegato il ministro dell’Economia. [continua ]

Economia

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com