Scende la produzione industriale. Crolla il settore auto: -17,1%

Produzione industriale in calo, crolla il settore auto: -17,1%

Ad aprile 2019 l’Istat rileva per la produzione industriale la seconda flessione congiunturale, dopo gli aumenti di inizio anno, con un calo dello 0,7% rispetto al mese precedente. Anche su base annua è osservabile una contrazione dell’1,5%. Da marzo l’indice è, invece, in aumento ma solo per il comparto energia (+3,6%). Sono al contrario negativi i beni strumentali (-2,5%), intermedi (-0,7%) e di consumo (-0,5%).

A soffrire di più è la produzione italiana di autoveicoli, che ad aprile diminuisce del 17,1% rispetto all’anno precedente. Nei primi quattro mesi dell’anno emerge una contrazione cumulata del 14,7%.

I dati rappresentano un’altra doccia fredda per il Paese e rischiano concretamente di avere un effetto sul Pil e, quindi, sulle previsioni di crescita del Governo, alzando il rischio di una manovra correttiva.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com