Italia, produzione industriale: mai così bassa dal 1960 (da quando si rilevano i dati)

Il calo di marzo è il più alto dall'inizio delle rilevazioni statistiche (1960) e porta i livelli a quelli registrati nel 1978

Produzione industriale: mai così bassa dal 1960

Con un impatto “devastante”, l’emergenza causata dal Covid-19 “affonda la produzione industriale a marzo (-16,6%) e nel primo trimestre (-5,4%)”. Lo scenario è quello rilevato dal Centro studi di Confindustria. La flessione nel trimestre è la maggiore registrata da undici anni.

In Italia la caduta dell’attività stimata per marzo (-16,6%), se confermata dall’Istat, rappresenterebbe il più ampio calo mensile da quando sono disponibili le serie storiche sulla produzione industriale (1960) e porterebbe i livelli su quelli registrati nel 1978. 

D’altronde, è stata decisa la chiusura del 57% delle attività industriali a partire dal 23 marzo (corrispondenti al 48% della produzione). Il restante 43% di imprese ha continuato a lavorare a un ritmo ridotto, con poche eccezioni (alimentari e farmaceutico).

E, secondo il Centro studi, “le prospettive sono in forte peggioramento”. 

Fonte

Articoli correlati

Sprofonda oltre le attese la produzione industriale: -28,4% a marzo

Italia, sprofonda oltre le attese la produzione industriale: -28,4%

Economia

Scende la produzione industriale. Crolla il settore auto: -17,1%

Ad aprile 2019 l’Istat rileva per la produzione industriale la seconda flessione congiunturale, dopo gli aumenti di inizio anno, con un calo dello 0,7% rispetto al mese precedente. Anche su base annua è osservabile una contrazione dell’1,5%. Da marzo l’indice è, invece, in aumento ma solo per il comparto energia (+3,6%). Sono al contrario negativi i beni strumentali (-2,5%), intermedi (-0,7%) e di consumo (-0,5%). [continua ]

Economia
Da febbraio a marzo 25.354 morti in più rispetto al 2019

Da febbraio a marzo 25.354 morti in più rispetto agli anni precedenti. Ma ‘solo’ il 54% è attribuito al Covid-19

Life

Il Covid-19 può danneggiare i polmoni anche in maniera silenziosa (nei contagiati asintomatici)

Persone sane, ma con la polmonite. Un’altra sorpresa amara del coronavirus è che nei contagiati asintomatici può danneggiare i polmoni anche in maniera silenziosa. Secondo le stime dell'Istituto Superiore di Sanità, i positivi senza disturbi sono circa il 30% del totale. E osservazioni casuali, ma ormai numerose, dimostrano che gli asintomatici possono anche essere ignari di avere il virus, ma i loro polmoni no. [continua ]

Life
Covid-19, trovate tracce nelle acque di scarico di Roma e Milano

Covid-19, trovate tracce nelle acque di scarico di Roma e Milano

Life
Covid-19: un anziano colpito a gennaio. Il “paziente 1” prima di Mattia

quoted business

Covid-19: un anziano colpito a gennaio in una clinica di Piacenza. Il “paziente 1” prima di Mattia

Life

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com