Confindustria: “Su 100 mld per l’emergenza pandemia, 23 sono ancora da spendere”

L’analisi del Centro studi: “Un quarto dei fondi restano nei cassetti in attesa dei tempi della burocrazia”

Confindustria: “Su 100 mld per l’emergenza, 23 sono ancora da spendere”
Il presidente di Confindustria Carlo Bonomi

“Un rapporto solido e condivisibile”, commenta il ministro del Tesoro Roberto Gualtieri. Eppure l’ultima analisi del Centro studi di Confindustria è un’impietosa analisi di quel che il governo non ha ancora fatto per contrastare l’emergenza Covid.

Dall’inizio della pandemia sono stati stanziati circa 100 miliardi di euro, per i quali erano necessari 208 decreti attuativi. Secondo il Centro studi sono stati effettivamente attuati 64 provvedimenti per un totale di 76,8 miliardi di euro. Un quarto delle risorse restano per ora nei cassetti.

Nel pieno della più grave crisi dal Dopoguerra la faccenda è cruciale. Alla fine del 2020 l’Italia avrà perso dieci punti di ricchezza prodotta rispetto all’anno precedente. È un balzo all’indietro di 23 anni, molto peggiore di quello seguito alla crisi dei mutui subprime, fra il 2008 e il 2009.

La pandemia ci è costata quest’anno 410 mila posti di lavoro. Nel 2021 i minori occupati saranno 230 mila. Confindustria spiega che si tratta peraltro di numeri drogati dall’estensione per tutto l’anno della cassa integrazione e dal blocco per legge dei licenziamenti.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com