“Ogni euro in opere strategiche ne genera 2,5 di Pil”

La spesa pubblica infrastrutturale italiana è rimasta al 2% del Pil negli ultimi anni, contro il 2,9% europeo. Ma Next generation Eu vale due volte e mezzo il piano Marshall

“Ogni euro in opere strategiche ne genera 2,5 di Pil”

Gli investimenti totali nel settore in Italia sono passati da circa 110 miliardi di euro del 2014 a circa 133 miliardi di euro del 2019, con un tasso di crescita annuale del 3%. L’incidenza di tali investimenti sul PIL in Italia è cresciuta dal 6,8% del 2014 al 7,5% del 2019, segnando comunque una certa distanza rispetto ad altre economie europee (Germania e Spagna circa 9% e Francia circa 11%). In questo orizzonte temporale la spesa pubblica in infrastrutture si è attestata intorno al 2% del Pil, a fronte di una media dell’Ue di circa il 2,9%. È l’analisi della società di consulenza EY.

Investire in grandi opere strategiche assicurerebbe un volano alla ripresa: calcola infatti EY che “ogni euro speso nel settore si trasformi in 2,5 euro di Pil nel medio periodo. Si stima che le risorse del Recovery Plan possano consentire un incremento di circa il 25% della spesa pubblica per investimenti nei prossimi 5 anni, con un impatto annuo pari a circa lo 0,5% del Pil dell'anno 2019.”

D’altra parte, la sfida è creare le condizioni affinché queste risorse possano mobilitare anche un volume crescente di risorse private. Le stime di EY parlano di un valore compreso tra i circa 150 e 200 mld di investimenti complessivi in infrastrutture nei prossimi cinque anni che le risorse addizionali del Recovery Fund potrebbero mobilitare, con un impatto annuo pari al 1,8% del Pil del 2019”.

Secondo Stefania Radoccia (manager di EY), “in termini reali il pacchetto Next Generation EU vale per l’Italia 2 volte e mezzo circa gli investimenti del piano Marshall ed è da allora che il Paese non ha la possibilità di fare una manovra così espansiva. Per poter cogliere appieno questa opportunità di rilancio, è necessario attivare azioni di sviluppo mirate ad una nuova politica industriale, che sappia cogliere le specificità settoriali e i punti di forza del nostro sistema produttivo.”

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Recovery Fund: può avere un impatto fino a 3 punti di Pil

Recovery Fund: può avere un impatto fino a 3 punti di Pil

Economia

Gli obiettivi del governo: Pil 1,6%, investimenti 3%, occupazione 73,2%, R&S 2,1%

Meno tasse sui ceti medi e sulle famiglie, puntare al raddoppio della crescita ad un livello in linea con la media Ue, con più lavoro e più investimenti. Sono alcuni degli obiettivi inseriti nelle 38 pagine di linee guida sul Recovery Fund che il governo ha trasmesso alle Camere. [continua ]

Economia
L’Istat vede “segnali di ripresa”, ma Fitch taglia le stime sul Pil

L’Istat vede “segnali di ripresa”, ma Fitch taglia le stime sul Pil

Economia

Pil nel secondo trimestre: -12,8%

L’Istat rivede al ribasso le stime sul Pil durante la fase più acuta della pandemia. Il calo del Pil nel secondo trimestre dell’anno è stato pari al 12,8% rispetto al trimestre precedente e al 17,7% in relazione all’anno precedente. La stima preliminare evidenziava invece una contrazione del 12,4% su base congiunturale e del 17,3% su base tendenziale. [continua ]

Economia

quoted business

Il Pil italiano crolla del 12,4% nel 2° trimestre

Il Pil italiano del secondo trimestre ha subito un duro contraccolpo. Ma il dato è meno pesante di quel che si aspettavano alcuni analisti e di quanto visto in alcuni vicini Paesi europei. Il reddito nazionale ha fatto registrare nel periodo aprile-giugno il valore più basso dal primo trimestre 1995 (periodo di inizio dell'attuale serie storica): la diminuzione è pari al 12,4% rispetto al primo trimestre, e del 17,3% in relazione allo stesso periodo del 2019. [continua ]

Economia

quoted business

Bankitalia: “Incrementi di spesa e riduzioni di imposte non si traducono automaticamente in più Pil”

“Per il nostro paese inizia ora un percorso tutt’altro che agevole. Andranno delineati in tempi rapidi progetti di investimento e di riforma lungimiranti, concreti e dettagliati. Tali progetti andranno attuati senza ritardi e inefficienze. È la condizione per garantire l’effettivo accesso ai finanziamenti previsti dal Next Generation EU, per rilanciare la crescita e la produttività dell’economia italiana”. [continua ]

Economia

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com