Conseguenze secolari da una demografia sbilanciata

Il problema della denatalità italiana non è tanto la diminuzione della popolazione. Ma il fatto che si altera il rapporto tra la popolazione attiva e quella anziana. Il post-Covid può essere l’occasione per cambiare rotta rispetto a politiche sbagliate

Conseguenze secolari da una demografia sbilanciata

“Nella percezione comune, il fatto di avere meno figli porta a una diminuzione della popolazione. Ma la questione più problematica non è tanto essere di più o di meno, quanto gli squilibri strutturali che si generano, in particolare nel rapporto relativo tra popolazione in età attiva (a cui è affidata la crescita economica e la sostenibilità del sistema sociale) e popolazione anziana (che tende più ad assorbire che a produrre ricchezza).” L’avvertimento è lanciato dal demografo Alessandro Rosina.

Nell’economia demografica europea - chiarisce Rosina - “l’Italia è tra i paesi membri che più contribuiscono a far lievitare la presenza di anziani e tra quelli che più indeboliscono la presenza delle nuove generazioni (da oltre dieci anni le nascite sono state in continua caduta) e, in prospettiva, della forza lavoro”.

Il tasso di dipendenza degli anziani si avvicina a 1,5 persone in età lavorativa (15-64 anni) per ogni over 65. Il valore medio europeo è attorno al 50%. Se poi si aggiungono ‘quota 100’, il record di Neet (gli under 35 che non studiano e non lavorano), una bassa partecipazione femminile, risulta chiaro che “non solo la forza lavoro in Italia si riduce come conseguenza della denatalità, ma è ancor più indebolita da politiche sbagliate e carenti”, accusa il demografo.

“Abbiamo investito poco e male sulle voci più importanti per dare solidità al nostro futuro: formazione, conciliazione, politiche attive, ricerca, sviluppo e innovazione – spiega Rosina -. E l’impatto della pandemia causata da Covid-19 ha ulteriormente complicato il quadro.”

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Smart working, sale la produttività. Ma scende l’innovazione

Smart working, sale la produttività. Ma scende l’innovazione

Jobs & Skills
Viadotto dell’autostrada A12 vietato ai tir. Servono lavori urgenti

Viadotto dell’autostrada A12 vietato ai tir. Servono lavori urgenti

Economia
Stretto di Messina, ok al ponte a più campate

quoted business

Stretto di Messina, ok al ponte a più campate

Economia

Si torna a parlare, per l’ennesima volta, del ponte sullo Stretto

Giovannini: “Nella relazione nuovi elementi. Serve dibattito”. Ma il progetto divide la politica. Tra i contrari, M5S, Leu e i Verdi. Bonelli: “Con quei 10 miliardi si potrebbero realizzare 750 km di rete attrezzata per tram e filobus”. Muroni: “L’ipotesi di resuscitare il progetto del ponte sullo Stretto di Messina trovo sia un’arma di distrazione di massa, esercitata periodicamente dai soliti noti”. [continua ]

Economia
Da febbraio a marzo 25.354 morti in più rispetto al 2019

Da febbraio a marzo 25.354 morti in più rispetto agli anni precedenti. Ma ‘solo’ il 54% è attribuito al Covid-19

Life

Il Covid-19 può danneggiare i polmoni anche in maniera silenziosa (nei contagiati asintomatici)

Persone sane, ma con la polmonite. Un’altra sorpresa amara del coronavirus è che nei contagiati asintomatici può danneggiare i polmoni anche in maniera silenziosa. Secondo le stime dell'Istituto Superiore di Sanità, i positivi senza disturbi sono circa il 30% del totale. E osservazioni casuali, ma ormai numerose, dimostrano che gli asintomatici possono anche essere ignari di avere il virus, ma i loro polmoni no. [continua ]

Life

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com