Istat: “Nel 2020 c’è stata una contrazione eccezionale”

Il Pil è crollato dell’8,9%. Il saldo primario scende al -6%

Istat: “Nel 2020 c’è stata una contrazione eccezionale”

Nel 2020 il Pil ai prezzi di mercato è stato pari a 1,65 miliardi, con una caduta del 7,8% rispetto l’anno precedente. In volume il Pil è diminuito dell’8,9%.

Lo comunica l’Istat, segnalando che l’anno scorso l’economia ha registrato una contrazione di entità eccezionale per gli effetti economici delle misure di contenimento connesse all'emergenza sanitaria.

A trascinare la caduta del Pil è stata soprattutto la domanda interna, mentre quella estera e la variazione delle scorte hanno fornito un contributo negativo limitato.

Dal lato dell’offerta di beni e servizi, il valore aggiunto ha segnato cadute marcate, soprattutto nelle attività manifatturiere e in alcuni comparti del terziario.

Il saldo primario (indebitamento netto meno la spesa per interessi) misurato in rapporto al Pil, è stato pari a -6,0% (+1,8% nel 2019).

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com