Cosa sta succedendo ai trentennali rapporti tra Cina e Africa?

Crollano i prestiti finanziari erogati dalla Cina ai Paesi sub-sahariani

Cosa sta succedendo ai trentennali rapporti tra Cina e Africa?

Le relazioni tra il gigante asiatico e il continente africano sembrano a un punto di svolta, come dimostra il significativo calo dei prestiti cinesi concessi ai paesi sub-sahariani. Ma occorre considerare che i rapporti sull’asse sino-subsahariano vanno avanti ormai da molto tempo come, ad esempio, conferma il fatto che, come ogni gennaio dal 1991, anche quest’anno il ministro degli Esteri cinese farà la sua prima visita all’estero dell’anno proprio in Africa.

Più che la scelta dei Paesi visitati e il contenuto degli annunci, conta soprattutto la forza del simbolo. Quello di un legame indissolubile con un continente che costituisce il nocciolo duro del cosiddetto “Sud globale” di cui Pechino si atteggia (giustamente) a leader. Dietro il rituale diplomatico accuratamente oliato si può tuttavia intravedere un cambio di rotta: dopo più di vent’anni di attivismo che hanno posto la seconda economia al mondo in una situazione di egemonia economica a sud del Sahara, la dinamica ha cominciato a cambiare traiettoria.

Le relazioni Cina-Africa sono “a un bivio” , osservava il Fondo monetario internazionale in una nota pubblicata ad Ottobre dello scorso anno. Una tendenza argomentata attraverso l’improvvisa riduzione dei prestiti cinesi concessi (ufficialmente) ai Paesi sub-sahariani. Nel 2022, secondo la Global China Initiative dell’Università di Boston, il flusso di crediti da Pechino verso l’Africa non ha nemmeno raggiunto il miliardo di dollari (920 milioni di euro) per la prima volta in diciotto anni. Numeri che appaiono sensibilmente ridotti rispetto al recente passato: nell’anno del picco, il 2016, le erogazioni monetarie cinesi erano giunte a 26,98 miliardi di euro.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Cina, India e Russia crescono a una media superiore al 4%

Cina, India e Russia crescono in media più del 4%. Le economie avanzate meno del 2%

Economia
Non c’è solo la Cina. La Russia stringe i rapporti con l’Africa

Non c’è solo la Cina. La Russia stringe i rapporti con l’Africa

Global
Nel 2023 investimenti record delle aziende tedesche

Investimenti record delle aziende tedesche in Cina: 12 miliardi nel 2023

Economia

Le difficoltà della Germania sono quelle dell’Ue che non sa quale strada intraprendere (tra Cina e Usa)

Districarsi nella crisi tedesca non è facile. Al centro va messa la questione dell’auto, industria peraltro legata alle componentistica italiana. Di sicuro la crisi è europea, riguarda la guerra in Ucraina, ma anche l’incapacità dimostrata finora dall’Europa di capire quale direzione prendere. [continua ]

Economia

L’economia globale frena. La Cina rallenta. Germania in recessione. L’eccezione degli Usa

Nel contesto di una generale frenata dell’economia globale, con Cina ed Eurozona a rappresentare gli anelli deboli, il Fondo Monetario Internazionale taglia le stime del Pil italiano: +0,7 per cento nel 2023. [continua ]

Economia

Gli Usa tornano a crescere, la Cina diventa un rischio globale, l’Italia frena

Sono gli Stati Uniti la maggiore sorpresa nelle nuove previsioni Ocse: la prima economia al mondo sembra resistere alla stretta monetaria imposta dalla Fed per raffreddare l’inflazione. Il segretario generale dell’Ocse Matthias Cormann: “L’inflazione risulta più forte di quanto previsto il che richiede politiche monetarie restrittive”. [continua ]

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com