Visco: “Il reddito procapite mondiale potrebbe scendere di ¼ entro il 2100”

La caduta del reddito globale sarebbe causata dalla crisi ambientale. E, “tra il 2020 e il 2030, il flusso di nuovi migranti potrebbe raggiungere la cifra di 230 mln di persone; in Europa, tuttavia, non basterebbero a impedire la sensibile diminuzione del numero di persone in età attiva”, ha spiegato Visco

Visco: “Il reddito procapite globale potrebbe scendere di ¼ entro il 2100”

“La crisi ambientale potrebbe ridurre il reddito pro capite mondiale di quasi un quarto entro il 2100 rispetto al livello che si potrebbe altrimenti raggiungere, con riduzioni forti soprattutto nel Sud del mondo e più lievi (in qualche caso aumenti) nel resto del Pianeta”. È il monito lanciato da Ignazio Visco.

Secondo il governatore di Bankitalia, “tra il 2020 e il 2030 il flusso di nuovi migranti potrebbe raggiungere la cifra record di circa 230 milioni di persone, quasi quanto la loro attuale consistenza; in Europa, tuttavia, gli arrivi previsti non basterebbero più a impedire la sensibile diminuzione del numero di persone in età attiva”.

“Nei prossimi 25 anni - ha spiegato Visco - il numero di persone di età compresa tra 20 e 64 anni scenderà di quasi 30 milioni in Europa, 6 dei quali in Italia. La stessa classe di età aumenterà fortemente, invece, in Africa e in Asia, rispettivamente di circa 570 e 290 milioni nelle previsioni delle Nazioni Unite: le risultanti pressioni migratorie saranno fortissime”.

Articoli correlati

quoted business

Passera: “Il capitalismo deve correggersi: ha dimostrato gravi limiti”

“Se per capitalismo intendiamo libero mercato, rispetto della proprietà privata e regole è evidente che dobbiamo farlo evolvere perché il capitalismo è comunque l’unico sistema che nella storia si è dimostrato capace di creare ricchezza e benessere in maniera sostenibile. Ma ha dimostrato gravi limiti e non sta portando i risultati che potrebbe fornire: crescita insufficiente, eccessiva concentrazione di potere e disuguaglianze insostenibili”. [continua ]

Economia

quoted business

La disuguaglianza cresce. E il mondo s’infiamma

“Cambiare le regole del gioco”. Aumentano coloro che pensano sia giunto il momento di fare qualcosa. Lo dice e lo ripete anche Papa Francesco. Alludono alle crescenti disuguaglianze a livello mondiale che sono all’origine delle attuali tensioni sociali. E che stanno causando guerre civili e conflitti in Medio Oriente e America Latina. Anche molti top statunitensi (di Amazon, JP Morgan, General Motors e altri colossi) hanno capito che la “dittatura degli azionisti” non funziona più. [continua ]

Economia
Cina, India, Usa: la nuova classifica del Pil globale

Cina, India, Usa: la nuova classifica del Pil globale

Economia
L’Fmi taglia le stime sul Pil globale: mai così basso dal 2008-09

L’Fmi taglia ancora le stime sulla crescita globale: mai così bassa dal 2008-09

Economia
Nobel per l’Economia a Banerjee, Duflo e Kremer

Nobel per l’Economia a Banerjee, Duflo e Kremer

Economia
Le banche centrali non bastano più

Le banche centrali non bastano più. Serve la politica fiscale

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com