I rischi scendono, ma l’Fmi taglia lo stesso la stima sul pil globale. La causa? Soprattutto l’India

Il Fondo rivede al ribasso le previsioni sulla crescita mondiale 2020 e 2021

Fmi, scende la stima sul pil globale 2020-21. Sopratutto a causa dell’India

Il Fondo taglia le stime di crescita mondiali per il 2020 e il 2021 confermando l’esistenza di rischi al ribasso, seppur più limitati rispetto alle stime di ottobre grazie all’accordo sulla Fase I tra Stati Uniti e Cina. Gioca un ruolo anche la politica monetaria, secondo il Fondo, che continua a essere espansiva.

Dopo il +2,9% del 2019, il pil mondiale è previsto crescere del 3,3% quest’anno e del 3,4% il prossimo, rispettivamente 0,1 e 0,2 punti percentuali in meno rispetto alle precedenti previsioni.

A livello macroregionale, nelle economie avanzate si prevede che la crescita rallenterà leggermente dall’1,7% nel 2019 all’1,6% nel 2020 e nel 2021. Le economie più ‘dipendenti’ dalle esportazioni come la Germania dovrebbero beneficiare dai miglioramenti della domanda estera, mentre il Pil degli Stati Uniti è destinato a rallentare man mano che gli stimoli fiscali svaniranno.

Per i mercati emergenti e le economie in via di sviluppo è valutata una ripresa della crescita dal 3,7% nel 2019 al 4,4% nel 2020 e al 4,6% nel 2021, una revisione al ribasso dello 0,2% per tutti gli anni. Il principale contributo (negativo) alla revisione lo fornisce l’India. Al contrario, la crescita della Cina è stata rivista leggermente al rialzo (6% per il 2020).

La ripresa della crescita globale per il 2020 rimane altamente incerta anche per la difficoltà di stimare il possibile andamento di economie ‘stressate’ come quelle di Argentina, Iran e Turchia, ma anche Brasile, India e Messico.

Per quanto riguarda l’economia italiana, dopo il +0,2% del 2019, il pil è atteso crescere quest’anno dello 0,5%. L’Fmi lima al ribasso quella per il 2021 a +0,7%, ovvero 0,1 punti percentuali in meno rispetto alle stime di ottobre.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

Le prime 10 economie al mondo nell’anno nero della pandemia

Rispetto al 2019, si scambiano (nuovamente) di posizione Regno Unito e India. Sale di una posizione il Canada, che si attesta al nono posto mentre esce fuori dal ranking dei primi dieci il Brasile. Fa invece il suo esordio nella top ten, la Corea del Sud. [continua ]

Economia
Economia industriale, gli Stati Uniti temono il sorpasso della Cina

quoted business

Economia industriale, gli Stati Uniti temono il sorpasso della Cina

Economia

Bbc

I criminali di mezzo mondo si scambiavano messaggi su un app dell’Fbi. Senza saperlo

Per tre anni personaggi della malavita sono stati indotti a comunicare tramite un’app crittografata progettata dalla polizia nota come ANoM. È stata utilizzata da bande criminali di tutto il mondo per pianificare esecuzioni, traffico di droga e riciclaggio di denaro. Tutto intercettato dalla polizia di 17 Paesi. [continua ]

Economia
L’imposta al 15% sulle multinazionali? Piketty: “Pura follia”

L’imposta al 15% sulle multinazionali? Piketty: “Pura follia”

Economia
“L’innovazione nasce dagli insuccessi. Lo Stato cambi approccio”

“L’innovazione nasce dagli insuccessi. Lo Stato cambi approccio”

Economia

Stiglitz: “Il neoliberismo ha fallito”

La sentenza, netta e senza appello, arriva dal premio Nobel 2001. Secondo l’economista statunitense, il neoliberismo non è riuscito a creare quella società armoniosa che immaginavamo. È fallito economicamente e socialmente. [continua ]

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com