‘The rich-poor divide’, aumenta la disuguaglianza a livello globale

Il Fondo monetario evidenzia come ci siano due velocità diverse tra economie avanzate che hanno alti tassi di vaccinazione e quelle emergenti che non tengono il passo

‘The rich-poor divide’, aumenta la disuguaglianza a livello globale
Gita Gopinath, capo economista dell’Fmi

Sull’economia mondiale arriva il monito del Fondo monetario internazionale. La ripresa è messa a dura prova dalle possibili conseguenze di nuove varianti di Covid, in particolare nelle parti del mondo dove le campagne di vaccinazioni proseguono lentamente, molto lentamente, e dai colli di bottiglia che ostacolano il rimbalzo della produzione industriale e minacciano di rendere più robusta la corsa dei prezzi.

Nell'aggiornare le sue previsioni sull'andamento globale, l’Organizzazione con sede a Washington (che ha confermato la fiducia alla direttrice Georgieva, sospettata di aver favorito la Cina quando era alla guida della Banca Mondiale) rivede al ribasso la previsione sul Pil del 2021.

Rispetto alle stime di luglio, la previsione sul Pil mondiale del 2021 scende al 5,9% e quella per il prossimo anno rimane ferma al 4,9%. Ma dietro queste percentuali si celano altri dati disaggregati che disegnano una forbice più ampia tra aree geografiche ed economiche che si allarga sempre più.

Da una parte le economie avanzate, dove le campagne vaccinali sono arrivate a numeri importanti e lo spauracchio maggiore sono piuttosto i problemi nelle forniture, i prezzi dell'energia e delle materie prime in genere. Dall'altra quelle in via di sviluppo o povere, dove il 96% della popolazione non è ancora vaccinato, mentre nei Paesi ricchi il 60% e oltre ha completato il suo ciclo.

Ecco perché il Fondo parla di “great vaccine divide”, in cui la disponibilità del siero sta facendo da discrimine per le prospettive economiche. Non a caso, mentre l'output delle economie avanzate è atteso riprendere il sentiero di crescita pre-pandemico già nel 2022, nei mercati emergenti e in via di sviluppo resterà 5,5 punti percentuali sotto la traiettoria immaginata ante-Covid ancora nel 2024.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

1/3 dell’economia globale in recessione nel 2023. E l’Fmi boccia il price cap sui beni energetici

Il Fondo monetario internazionale rivede al ribasso per la terza volta la stima sul Pil 2022. Pandemia, inflazione, tassi e guerra bruciano 4mila miliardi di dollari di crescita potenziale, ovvero il Pil della Germania. L’Fmi stronca il price cap: “Sappiamo che il controllo dei prezzi per un lungo periodo di tempo non è conveniente e neppure efficace”. [continua ]

Economia
Il paradosso tutto italiano: pochi milionari e una disuguaglianza elevata

Il paradosso italiano: pochi milionari e una disuguaglianza elevata

Economia
L’Ucraina ha chiesto 1,4 mld all’Fmi

L’Ucraina ha chiesto 1,4 mld all’Fmi

Economia

L’Fmi taglia le stime per gli Usa: appena +1% di crescita economica nel 2023

Il Fondo monetario internazionale: “L’economia Usa si è ripresa rapidamente dalla pandemia, ma il rimbalzo della domanda ha stressato la catena di approvvigionamento e provocato un forte aumento dell’inflazione”. [continua ]

Economia

La doppia crisi dell’economia mondiale: 143 paesi avranno una battuta d’arresto. Gli Usa rischiano di perdere il dominio globale

L’Fmi, che teme il passaggio da un sistema globale unipolare (dominato dagli Usa) a uno bipolare (con l’entrata della Cina sulla scena), annuncia il taglio delle previsioni di crescita mondiale e la direttrice del Fondo pungola le banche centrali: “Devono agire”. A Francoforte, che ospita la sede della Bce, saranno fischiate le orecchie a qualcuno. [continua ]

Economia
G20, Pil: India in testa. Solo due paesi in territorio negativo
quoted business

G20, India in testa alla classifica della crescita economica. Solo due paesi in territorio negativo

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com