Perché il più importante investitore del mondo punta ora sul petrolio

Berkshire Hathaway, la compagnia del leggendario Warren Buffett, aumenta sensibilmente il proprio pacchetto azionario di Occidental Petroleum. Una scelta apparentemente molto rischiosa nel medio-lungo periodo

Perché il più importante investitore del mondo punta ora sul petrolio
Warren Buffett

Quando si muove lui, bisogna per forza tenerne conto. Anche se non è detto che anche questa volta possa aver sbagliato. Parliamo di Warren Buffett. La sua compagnia, la Berkshire Hathaway, con un valore di 590.000 milioni di dollari, continua a scommettere sulle imprese energetiche. Nei giorni scorsi ha rivelato di aver acquistato più azioni di Occidental Petroleum, per un valore di 52 miliardi di dollari, portando la sua quota nel conglomerato a più di un quarto del valore complessivo del colosso. A ciò occorre aggiungere una partecipazione di 24 miliardi di dollari in Chevron.

Decisioni che segnano un cambiamento rispetto al passato scetticismo di Buffett sul possesso di produttori di materie prime. In particolare, a cambiare è stata soprattutto la percezione del futuro del’oro nero. Le compagnie petrolifere sono sempre più riluttanti a investire in megaprogetti che impiegano anni per iniziare a pompare petrolio, vista l’onda crescente che chiede la transizione energetica delle economie. Gli investitori, consapevoli degli eccessi del passato, hanno anche spinto le società pubbliche a concentrarsi sulla restituzione del capitale. In combinazione con prezzi elevati, il risultato è stato profitti alle stelle e cedole rilevanti per gli azionisti. Fatti che devono aver attratto l’attenzione anche di Warren Buffett.

Ma se il prezzo dell’oro nero dovesse scendere sensibilmente (nel medio periodo), il magnate andrebbe incontro a una sonora sconfitta. In caso contrario, ad accusare il colpo sarebbe il Pianeta che con sempre maggiore lucidità sta comprendendo quanto sia difficile staccarsi dall’oro nero (oltre che dalle altre risorse fossili). Non a caso, è definito oro, sebbene l’associazione con il colore ci ricorda che non è luccicante come il metallo prezioso. Bensì, molto sporco.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Via libera del G7 al tetto al prezzo del petrolio russo. Von der Leyen: ”Ora anche sul gas”. Mosca: “Stop alle forniture”

La misura dovrebbe diventare efficace dal 5 dicembre per il greggio e dal 5 febbraio per i prodotti raffinati. Ma i livelli dei prezzi non sono stati ancora fissati. Il vice premier russo avverte: “Stop alle forniture di petrolio a chi impone il price cap”. Il portavoce del Cremlino: “Un tetto al prezzo destabilizzerà il mercato”. La Germania non sembra convinta. Scholz: “Per la Germania sarebbe poco responsabile rinunciare al gas russo” [continua ]

Economia
Ombre cinesi. L’Ue rivela un piano di investimenti da 150 mld per l’Africa

Ombre cinesi. L’Ue prova a imitare Pechino e rivela un piano di investimenti da 150 mld per l’Africa

Economia
I Bitcoin hanno un impatto ambientale simile a quello del petrolio

I Bitcoin hanno un impatto ambientale simile a quello del petrolio

Moneta & Mercati

I produttori di petrolio guadagneranno oltre 900 miliardi nel 2022

L’Opec, il principale gruppo di Paesi produttori petroliferi, ha aumentato nel 2021 i propri utili del 78%. È l’Arabia Saudita a detenere il record di entrate. Riyad produce il maggior numero di petrolio greggio e i ricavi netti sono saliti a 184 mld. Ovvero più di un terzo di tutte le entrate petrolifere dell’Opec lo scorso anno. E nel 2023 i numeri saliranno ancora. [continua ]

Energie & Risorse
Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso
quoted business

Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso sotto i 100 dollari

Energie & Risorse

Il petrolio potrebbe salire fino a 380 dollari al barile

Il G7 si è detto favorevole alla fissazione di un limite superiore al prezzo del petrolio. Ma l’iniziativa sarà inutile, qualora la Russia decidesse di interrompere la fornitura di petrolio all’Ue. Mosca può permettersi di ridurre la produzione giornaliera di greggio fino a 5 milioni di barili senza danneggiare eccessivamente la sua economia. E in tale caso il prezzo dell’oro nero potrebbe arrivare a sfiorare i 400 dollari, mandando in recessione mezzo mondo. [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com