Scende il Pil nell'Ue. E in Italia l'economia è stagnante

Il Pil scende. E in Italia l'economia è stagnante

Nel terzo trimestre 2018 il Pil destagionalizzato è salito dello 0,2% nell’eurozona e dello 0,3% nell’Ue, in riferimento ai tre mesi precedenti quando era cresciuto, rispettivamente, dello 0,4% e dello 0,5%.

Rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente, il Pil ha visto un incremento su base annuale dell'1,7% nell’eurozona e dell'1,9% nell'Ue, in calo in relazione al secondo trimestre quando aveva registrato il 2,2% e 2,1%.

La dinamica negativa a livello europeo è confermata, nel caso dell'Italia, dalla rilevazione Istat. Da luglio a settembre il Pil è rimasto invariato rispetto al trimestre precedente. Il tasso tendenziale di crescita è stato pari allo 0,8%. "La dinamica dell'economia italiana è risultata stagnante, segnando una pausa nella tendenza espansiva in atto da oltre tre anni".

La stima del Pil riflette, spiega l'Istat, "dal lato dell'offerta la perdurante debolezza dell'attività industriale - manifestatasi nel corso dell'anno dopo una fase di intensa espansione, appena controbilanciata dalla debole crescita degli altri settori". 

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com