Madrid di fronte un dilemma: favorire o limitare la presenza della Cina nei settori strategici?

Madrid di fronte un dilemma: favorire o limitare la presenza della Cina?

Nel 2018 gli investimenti esteri diretti (Ide) hanno raggiunto circa i 47 mld di euro. Ovvero, circa un quinto degli investimenti totali effettuati in Spagna lo scorso anno e, soprattutto, ben il 71% in più rispetto al 2017.

L'aumento degli Ide è uno dei pilastri della crescita visto che spinge la domanda interna, crea posti di lavoro e accresce la competitività delle imprese. Contribuisce anche al differenziale di crescita rispetto ai principali partner europei, dove l'afflusso di capitali internazionali è tendenzialmente diminuito, specialmente in Italia e nel Regno Unito. All’incremento spagnolo ha contribuito sensibilmente la Cina, che ha fornito negli ultimi sei anni circa 7 mld, ovvero oltre il 4% del totale degli Ide in Spagna.

Tuttavia, i benefici per l'economia spagnola di tali investimenti dipendono dal loro effetto moltiplicatore sul tessuto produttivo, ed è qui che sorgono dubbi. Innanzitutto perché solo il 41% degli investimenti esteri si traduce nella creazione di nuove società o nell'espansione delle capacità esistenti. Il restante 59% è dovuto a fusioni e acquisizioni di società, pertanto l'effetto moltiplicatore è generalmente indiretto e ridotto, almeno nel breve periodo.

A questo punto Madrid è di fronte a un dilemma: favorire o limitare la presenza della Cina nei settori strategici?

Fonte

Indicatori

L'andamento del rapporto debito/Pil in Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna

Osservando l’andamento del rapporto debito/pil nei cinque paesi selezionati emergono tre aspetti nodali 1) la tendenza a convergere da parte di Francia, Regno Unito e Spagna negli ultimi anni 2) la dimensione del debito italiano 3) la netta inversione di marcia della Germania dopo il 2012

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com