Spagna, esplode il debito/Pil: dal 96% al 130%

La Banca centrale spagnola avverte: dopo la pandemia sarà necessario un pesante aggiustamento fiscale. Aumenteranno le tasse e la spesa pubblica sarà tagliata

Esplode il debito/Pil: dal 96% al 130%

La Banca centrale spagnola avverte: l’economia iberica soffrirà di una “vulnerabilità cronica” risultante dal forte aumento del debito pubblico causato dalle misure introdotte in seguito al coronavirus. E ciò comporterà “un forte aggiustamento una volta che la crisi passerà”.

La Banca stima che l’indebitamento pubblico si avvicinerà al 130% del Pil (nel peggiore tra gli scenari ipotizzati). Prima dello scoppio della crisi sanitaria lo scorso marzo, il rapporto debito/Pil era pari al 96%.

L’aggiustamento fiscale avverrà sia attraverso l’aumento delle imposte che l’adeguamento della spesa pubblica (tagli). Ma non basteranno. Sarà necessario approvare riforme strutturali per stimolare la crescita dell’economia e, al contempo, ridurre il rapporto debito/Pil.

C’è infine un altro rischio. La Banca centrale segnala che i tassi di interesse (al momento bassissimi) non dureranno per sempre. In caso di rialzo il settore bancario e creditizio sarebbe messo a dura prova.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del rapporto debito/Pil in Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna

Osservando l’andamento del rapporto debito/pil nei cinque paesi selezionati emergono tre aspetti nodali 1) la tendenza a convergere da parte di Francia, Regno Unito e Spagna negli ultimi anni 2) la dimensione del debito italiano 3) la netta inversione di marcia della Germania dopo il 2012

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com