L’industria tedesca rallenta: produzione giù del 3,5%. È il dato peggiore da dieci anni

Il dato del mese di dicembre, rispetto al novembre precedente, si è rivelato nettamente peggiore rispetto alle attese. In negativo la produzione industriale anche in Francia: -2,8%

L’industria tedesca rallenta: -3,5%. È il dato peggiore da dieci anni

Doccia fredda sull’industria tedesca a fine anno. A dicembre 2019 la produzione industriale della Germania è calata del 3,5%, dopo l’incremento di 1,2 punti percentuali che si era visto a novembre. Rispetto a dicembre 2018 la diminuzione sale al 6,8%.

Il dato è peggiore rispetto alle attese, che si attestavano su una sostanziale stabilità, e rappresenta il calo più pronunciato su base congiunturale da oltre 10 anni.

A guidare la flessione, argomentano gli osservatori, sono state le costruzioni (-8,7% a dicembre). La produzione manifatturiera si è contratta del 2,9%. L’energia ha invece visto un rialzo (+2%).

Ma a soffrire è l’industria europea in generale. La Francia, tra gli altri paesi, ha registrato una contrazione del 2,8% rispetto a novembre e del 3% rispetto allo stesso mese del 2018.

Andamento della produzione industriale in Germania
Andamento della produzione industriale in Germania
Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com