Bundesbank: “Ci vorranno due anni per tornare ai livelli pre-Covid”

La Banca centrale tedesca stima per la Germania una contrazione del Pil pari al 7,1% nel 2020

Bundesbank: “Ci vorranno due anni per tornare ai livelli pre-Covid”

L’economia tedesca subirà una contrazione significativa quest’anno e potrebbero essere necessari due anni per recuperare il terreno perduto. A spiegarlo è la Banca centrale tedesca.

La più grande economia europea si contrarrà nel 2020 del 7,1%. Per il 2021, la crescita è stimata al 3,2% e al 3,8% nel 2022.

Le cifre della Bundesbank giungono all’indomani della revisione al ribasso da parte della Bce delle stime di crescita dell’Eurozona, per cui è previsto un calo del Pil dell’8,7% nel 2020 come caso di riferimento e un crollo del 12,6% in uno scenario di crisi “grave”.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com