Il Pil tedesco giù del 5% nel 2020

L’Ufficio federale di statistica: “La Germania è entrata in una profonda recessione ma il dato va meglio delle stime del governo”

Pil giù del 5% nel 2020

L’economia della Germania nel 2020 si è contratta del 5% a causa della pandemia da Covid-19. È quanto emerge dai dati preliminari dell’Ufficio federale di statistica. Il dato è meno grave della contrazione record del 5,7% subita nel 2009 durante la crisi finanziaria globale.

“L’economia tedesca è entrata in una profonda recessione dopo un decennio di crescita – si legge nel bollettino dell’istituto Destatis -. Tuttavia, l’indicatore sta andando meglio delle previsioni del governo, che aveva previsto un calo del 5,5%”.

Nel 2020 i consumi privati sono crollati del 6%, al pari degli investimenti. L’export è sceso di quasi il 10%, mentre l’import è diminuito dell’8,6%. Ciò indica che l’ampio surplus commerciale della Germania e il più ampio avanzo delle partite correnti si sono entrambi ridotti a causa della pandemia.

Secondo Destatis il settore pubblico, inclusi gli Stati federali, i comuni e i sistemi di protezione sociale, hanno registrato un deficit di bilancio di 158,2 miliardi di euro, pari al 4,8% del Pil, registrando un rosso della finanza pubblica a fronte del surplus di 52,5 mld rilevato nel 2019.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com