Efficienza tedesca: alle radici di uno stereotipo

La Germania ha la reputazione di fare le cose in modo efficiente. Ma è davvero così?

Efficienza tedesca: alle radici di uno stereotipo

L’efficienza tedesca è uno stereotipo internazionale che affonda le proprie radici nella storia e resiste nel tempo. Lo storico James Hawes la fa risalire al Medioevo, quando la Renania occidentale divenne nota all’estero per l’efficienza commerciale grazie alla sua produzione di merci altamente specializzate.

La Prussia, lo stato protestante della Germania orientale, era considerata la fonte di un altro tipo di efficienza, più che altro amministrativa e militare, sviluppata intorno al 1750 quando al governo c’era Federico il Grande. Quando poi la Prussia unificò l’Impero tedesco sotto la sua guida nel 1871, diffuse questi sistemi e pratiche, arricchendole con altri valori: puntualità, frugalità, senso del dovere e diligenza.

Questi valori, che divennero conosciuti come ‘preussische Tugenden’ (virtù prussiane), sono poi arrivati al XX secolo, quando sono stati in qualche modo cooptati dal partito nazista. Secondo l’economista Franklin Mixon, un comportamento efficiente era incentivato e ricompensato all’interno della grande burocrazia nazista in contrasto con l’idea passiva del ‘solo eseguire gli ordini’ che ancora domina la percezione di come l’Olocausto è stato portato a termine.

Poi, dopo la fine della Seconda guerra mondiale, l’economia decollò negli anni ‘50 e ‘60, in quello che è noto come ‘Wirtschaftswunder’ (miracolo economico), e la Germania Ovest divenne ammirata per la sua industria e le sue merci apprezzate per la loro qualità. Questo boom della produzione rafforzò la reputazione della Germania sul tema dell’efficienza.

Sopravvissuta alla recessione economica degli anni post-riunificazione, la Germania rimane stimata per i suoi prodotti di alta classe, e l’efficienza rimane qualcosa che viene ricercata nell’industria, nel governo, alla cassa del supermercato e persino nella nazionale di calcio.

Oggi è ancora così? Secondo alcuni l’efficienza si è arrugginita come ha messo in evidenza una burocrazia giudicata ora macchinosa, l’assenza di campioni nazionali nei settori economico-produttivi emergenti a livello globale e un lento avvio della campagna di vaccinazione contro il Covid. Ma, come si sa, gli stereotipi cambiano molto lentamente.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com