Giappone, scenari negativi su Pil e inflazione. Frena la terza economia al mondo

La Banca centrale nipponica ha ridotto le stime sulla crescita economica e sui prezzi al consumo. Aumentano i timori per la guerra commerciale Usa-Cina

Scenari negativi su Pil e inflazione. Frena la terza economia al mondo

La terza economia al mondo, la seconda del continente asiatico, rallenta. La Banca centrale del Giappone ha ammesso che non sarà possibile raggiungere il target del 2% per l’inflazione e ha ridotto le prospettive di crescita. Per l’anno in corso i prezzi al consumo saliranno probabilmente dello 0,9%, due decimali in meno di quanto previsto a luglio.

Il paradosso, dopo molti anni di politiche espansive (con tassi di interesse ancora oggi negativi), è che la Banca centrale non ha potuto far altro che mantenere invariate le scelte monetarie.

Il governatore della Bank of Japan, Haruhiko Kuroda, ha negato che le revisioni rappresentino un grande cambiamento nelle prospettive dell’economia nipponica, ma ha altresì riconosciuto che i rischi globali "latenti" potrebbero erodere la crescita e frenare la risalita dell’inflazione. In particolare, Tokyo individua tre specifici fattori di rischio per il paese: il progressivo aumento dei tassi interesse statunitensi, i rischi geopolitici in Europa e i timori sulla stabilità finanziaria nei mercati in via di sviluppo. Ma la preoccupazione pincipale per il Giappone è un’altra: l’escalation della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, anche se "fino ad ora gli effetti della ‘trade war’sono rimasti limitati", ha detto Kuroda.

Il Pil del terzo trimestre (il dato ufficiale non è ancora disponibile) sarà probabilmente negativo anche perché in quello precedente (da aprile a giugno) c’è stato un picco rilevante: +3%, trainato dall’incremento dell’export, della produzione e dei consumi. La domanda dei consumatori giapponesi è strategica per l’economia nipponica, visto che rappresenta circa il 60% della crescita dell'economia.

Tuttavia, i venti a livello internazionale cominciano a soffiare in senso contrario. "Il commercio tra Stati Uniti e Cina ha ancora un impatto limitato sulle attività dei produttori siderurgici giapponesi, ma siamo preoccupati per i segni di un indebolimento dell'economia in Cina", ha affermato Koji Kakigi, presidente dell'Organizzazione datoriale giapponese che rappresenta i produttori di ferro e acciaio.

Eppure, la disoccupazione è bassissima, 2,4% a settembre. E per ogni persona in cerca di occupazione ci sono 1,63 posti di lavoro disponibili.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

Il caso turco: tassi di interesse al 19% e inflazione al 17,5%. Eppure il paese ‘dollarizzato’ continua a crescere

La Turchia è un paese in crescita e con ambizioni di egemonia. Ma l’avversione del suo presidente a tassi di interesse alti la espone al rischio di una pericolosa spirale di svalutazione, inflazione e fuga dei capitali. [continua ]

Economia
Il dilemma della Bce tra inflazione e Pil

Il dilemma della Bce tra inflazione e crescita

Moneta & Mercati

Inflazione e psicologia. Perché in Giappone i prezzi al consumo non salgono

L’indice dei prezzi al consumo in Giappone è salito del 2,5% ad aprile rispetto a un anno prima, ma escludendo l’impatto di beni alimentari ed energia, i prezzi sono aumentati solo dello 0,8% rispetto all’anno precedente. La mentalità deflazionistica nipponica tende a scaricare la pressione in altre direzioni. [continua ]

Moneta & Mercati

L’Fmi taglia le stime per gli Usa: appena +1% di crescita economica nel 2023

Il Fondo monetario internazionale: “L’economia Usa si è ripresa rapidamente dalla pandemia, ma il rimbalzo della domanda ha stressato la catena di approvvigionamento e provocato un forte aumento dell’inflazione”. [continua ]

Economia
Inflazione Usa al top dal 1981. La Russia taglia i tassi
quoted business

Inflazione Usa al top dal 1981. La Russia taglia i tassi per la quarta volta da marzo

Economia
Draghi: “Il tetto al prezzo del gas potrebbe limitare l’inflazione”

Draghi a Parigi torna alla carica: “Il tetto al prezzo del gas potrebbe limitare l’incremento dell’inflazione”

Ue
Economia

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com