Abrams, la copertura degli Usa è più politica che militare

Washington non ha svelato una data precisa di consegna degli Abrams. Potrebbero occorrere anni perché i carri armati statunitensi raggiungano davvero l’Ucraina

Abrams, la copertura degli Usa è più politica che militare

Sono 31 i carri armati M1 Abrams, i più sofisticati nell’arsenale statunitense, che saranno forniti all’Ucraina. E che gli esperti considerano potenzialmente cruciali per le offensive militari di Kiev contro le truppe russe.

La promessa di inviare gli Abrams – che costano circa 9 milioni di dollari l’uno - giunge assieme allo sblocco da parte della Germania dell’invio di carri armati tedeschi Leopard 2 come parte di un accordo tra Washington e Berlino sulle forniture a Kiev dei più potenti mezzi corazzati occidentali a disposizione.

In realtà la decisione di Washington viene considerata come un’azione di copertura politico-militare proprio per la Germania e i paesi alleati. Infatti, non è stata svelata una precisa data di consegna degli Abrams e, secondo analisti, potrebbero occorrere anni perché i carri armati statunitensi raggiungano l’Ucraina.

La decisione americana va, tuttavia, incontro alle richieste di Berlino di un nuovo salto di qualità nell’impegno della Casa Bianca, spezzando le resistenze che aveva finora mantenuto citando la difficoltà di operare gli Abrams. Così facendo, l’amministrazione statunitense intende sbloccare l’invio assai più rapido di carri armati dalla Germania e da altri paesi, quali la Polonia, che ha già offerto la sua disponibilità.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Macron insiste: “Non escludo l’invio di truppe in Ucraina. L’Europa deve essere pronta alla guerra se vuole la pace”

“La Russia non deve prevalere", queste le parole del presidente francese in un'intervista alle tv transalpine. Il ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani, ha reagito escludendo l’invio di truppe in Ucraina. [continua ]

Strategie & Regole

Quasi nessuno ha (ancora) il coraggio di ammettere che l’Ucraina ha perso la guerra, sebbene il Piano B sia pronto da tempo

Zelensky non può vincere. In realtà anche Putin non naviga in acque così tranquille. La profezia dell’ex Capo di stato maggiore Usa Mark Milley: “Questa guerra non la vincerà davvero nessuno dei due e finirà al tavolo di un negoziato”. Per Kiev ci sono state pesanti perdite territoriali, ma la Crimea era già stata persa nel 2014 e il Donbass è assediato da tempo da una guerra civile. [continua ]

Strategie & Regole
Un anno di guerra in Ucraina (e negli altri conflitti dimenticati)
quoted business

Un anno di guerra in Ucraina (e negli altri conflitti dimenticati)

Strategie & Regole

Draghi al Mit: “L’Ucraina deve vincere la guerra. O sarà la fine dell’Ue”

L’ex premier: “L’economia avrà un aspetto molto diverso da quello a cui siamo abituati. Le tensioni internazionali continueranno a pesare sul tasso di crescita e il processo di reshoring per riportare in patria produzioni strategiche e riallocare le forniture presso Paesi affidabili (friendshoring, ndr) potrebbe comportare un livello di inflazione più alto che in passato”. [continua ]

Global
L’economia di guerra che fa ricca l’industria della difesa europea

L’economia di guerra che fa ricca l’industria della difesa europea

Strategie & Regole
Macron: “Chi esclude a priori l’invio di truppe in Ucraina non ha imparato

Macron: “Chi esclude a priori l’invio di truppe in Ucraina non ha imparato la lezione”

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com