Non solo gas. Il piatto ricco degli Usa

Non solo gas. Il piatto ricco degli Usa

Armi, gas, grano. Stati Uniti, Russia, Cina. Sono le carte di Joe Biden, due tris. Il problema numero uno è militare - la Casa Bianca ha ottenuto dagli alleati ciò che voleva (l’aumento della spesa militare al 2% del Pil) - poi c’è quello geopolitico: il nuovo ordine mondiale fondato sulle forniture di energia, le ambizioni della Cina e l’alleanza del Dragone con la Russia.

L’Alleanza atlantica, che Macron definì “cerebralmente morta”, per Biden “è più forte e unita che mai”. Il presidente Usa promette di far scontare a Mosca “il prezzo di questa offensiva brutale”. E se Vladimir Putin aveva scommesso su una Nato spaccata, in realtà “ha ottenuto come risultato esattamente il contrario”.

E Trudeau? Nel piano di Biden, il premier canadese riveste un ruolo chiave, perché il suo Paese non è solo un grande produttore di energia (gas e petrolio) ma anche di grano, l’altra materia prima che la guerra in Ucraina ha reso rara e preziosa. “Al G7 abbiamo parlato di come i grandi produttori, Canada e Stati Uniti, possano incrementare la produzione di grano e distribuire più cibo nel mondo”, spiega Biden.

Ecco, infine, le nuove sanzioni contro l’establishment russo, ovvero la Duma con i suoi 328 legislatori (proprio come aveva chiesto al Congresso statunitense Volodymyr Zelensky), il direttore esecutivo della più grande banca russa (Sberbank), Herman Gref, nonché il miliardario Gennadi Timchenko. Nel mirino anche 48 imprese della difesa.

Siamo ancora nel primo tempo di una lunga partita che per ora senza pace.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

“Con questa guerra ci guadagnano solo gli Usa vendendo armi e gas. E senza subire conseguenze”

Carlo De Benedetti: “Una guerra che si sovrappone a una severa recessione, come quella cui stiamo andando incontro, è per noi europei assurda. Se gli Usa vogliono fare la guerra a Putin, la facciano. Ma non è l’interesse dell’Europa. Tutti sappiamo che il pericolo per gli americani non è la Russia ma la Cina”. [continua ]

Global

Non solo gas. Il sadomasochismo dell’Occidente (che avvantaggia la Cina). Volano i prezzi di grano e mais

I presunti venti di guerra fanno volare le quotazioni internazionali di grano per il pane e mais per l’alimentazione animale. L’Ucraina è il quinto paese al mondo per la produzione di mais e settimo per quella di grano. Una emergenza globale che riguarda anche l’Italia che è un Paese deficitario ed importa (soprattutto da Kiev) il 64% del proprio fabbisogno di grano per la produzione di pane e biscotti. [continua ]

Life

Non solo gas e petrolio. Quella stretta dipendenza tra il colosso russo Rosatom e l’industria atomica europea, in particolare francese

Chi ha deciso che gas e nucleare sono sostenibili: l’Ue o la Russia? Tre colossi della Federazione (Gazprom, Lukoil e Rosatom) hanno portato avanti un’estenuante attività lobbying per far includere gas e nucleare nella tassonomia verde. [continua ]

Strategie & Regole
quoted business

Londra: “Kiev può colpire la Russia con le nostre armi”. La replica di Mosca: “Pronti a rappresaglia contro i paesi Nato”. Cresce il timore che il conflitto si allarghi

Putin a Guterres: “All’Onu siamo tutti uguali. Mi sembra strano che qualcuno pensi di essere diverso o migliore. Senza Crimea e Donbass accordo impossibile”. Il segretario generale delle Nazioni Unite in missione a Mosca: “Posizioni distanti”. La Russia esclude la possibilità di un cessate il fuoco [continua ]

Strategie & Regole
quoted business

Moskva, la maggior perdita in mare dai tempi della Guerra delle Falklands. Cia: “Putin è disperato. Può usare armi nucleari”. Il presidente russo ordina di diversificare l’export energetico

L’incrociatore è affondato. Alla Russia rimangono 56 (su 72) missili da crociera nel Mar Nero. Putin ordina la realizzazione delle infrastrutture necessarie per riorientare verso i mercati non europei l’export energetico russo. [continua ]

Strategie & Regole
quoted business

La svolta americana: “Armi più potenti e istruttori per Kiev”. Gli ‘aiuti’ Usa all’Ucraina salgono a 2,6 mld. Brinda l’industria bellica

Nel pacchetto da 800 milioni di dollari obici, radar e elicotteri Mi-17. Il Pentagono crede che il conflitto sarà lungo e convoca le aziende produttrici di armamenti per studiare rifornimenti all'Ucraina di sistemi bellici occidentali. [continua ]

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com