La svolta americana: “Armi più potenti e istruttori per Kiev”. Gli ‘aiuti’ Usa all’Ucraina salgono a 2,6 mld. Brinda l’industria bellica

Nel pacchetto da 800 milioni di dollari obici, radar e elicotteri Mi-17. Il Pentagono crede che il conflitto sarà lungo e convoca le aziende produttrici di armamenti per studiare rifornimenti all'Ucraina di sistemi bellici occidentali.

La svolta americana: “Armi più potenti e istruttori per Kiev”
Elicottero Mi-17

Non armi “usa e getta” per resistere all’invasione, ma strumenti per fronteggiare una guerra lunga. Gli Stati Uniti si preparano a cambiare il sostegno a Kiev, pianificando aiuti bellici destinati a entrare in servizio solo dopo l’estate: sistemi sofisticati che richiederanno l’addestramento dei soldati da parte di istruttori statunitensi. Stinger, Javelin e altri ordigni simili, piuttosto semplici da usare, hanno permesso di fermare la prima ondata russa, ma non saranno sufficienti a contenere i nuovi attacchi.

Il presidente Usa ha così approvato una fornitura da 800 milioni di dollari destinata all’assistenza militare per rafforzare le difese ucraine contro l’intensa offensiva russa in corso nell’est del paese. Joe Biden ha annunciato l’aiuto dopo aver sentito il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy per coordinare la consegna dell’assistenza, che è l’ultimo di una serie di pacchetti di armi per un valore complessivo di 2,6 miliardi di dollari da quando la Russia ha invaso l’Ucraina lo scorso 24 febbraio.

Nell’elenco pubblicato dal Pentagono ci sono 18 obici da 155 mm, 40.000 proiettili di artiglieria, sistemi radar di sorveglianza aerea e mine anti-uomo. Inoltre, per aiutare le truppe ucraine a spostarsi sul campo gli Stati Uniti invieranno 100 veicoli corazzati Humvee, 200 mezzi corazzati per M113 e 11 elicotteri Mi-17. Questi ultimi vanno ad aggiungersi ai cinque già inviati all’inizio di quest’anno. Nel pacchetto, precisa il Pentagono, sono inclusi anche altri Switchblade, i cosiddetti “droni kamikaze”, missili Javelin, attrezzature mediche, giubbotti antiproiettile ed elmetti. Nel briefing di ieri il portavoce del Pentagono ha detto, inoltre, che sono stati inviati in Ucraina anche “dispositivi di protezione individuale contro armi chimiche”.

Insomma, la prospettiva di un cessate il fuoco si allontana. E l’industria bellica statunitense festeggia: dal 1960 al 2020 gli Stati Uniti sono stati il primo esportatore mondiale di armamenti, come riporta My Data Jungle. Nel solo 2020, l’export del comparto bellico della prima economia globale è arrivato a circa 9,4 miliardi di dollari. Più delle esportazioni cumulate di Cina, Giappone, Germania, Regno Unito, India, Corea del Sud, Italia, Canada (pari a 8,8 miliardi).

Le esportazioni di armi delle prime dieci economia al mondo (espresse in dollari; fonte: My Data Jungle)
Le esportazioni di armi delle prime dieci economia al mondo (espresse in dollari; fonte: My Data Jungle)
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Ucraina e Russia forniscono più di un 1/3  dell’export globali di grano

Ucraina e Russia forniscono più di un 1/3 delle esportazioni globali di grano

Life
Usa-Russia-Cina: “No alla guerra nucleare”

Usa-Russia-Cina: “No alla guerra nucleare”

Strategie & Regole

‘Guerra dei cieli’. Mosca nega l’ingresso ai voli che aggirano la Bielorussia

Due collegamenti di Air France Parigi-Mosca e uno della Austrian Airlines Vienna-Mosca, che dovevano viaggiare aggirando lo spazio aereo di Minsk come suggerito dalle autorità competenti europee, sono stati cancellati perché la Russia non ha autorizzato l’ingresso. [continua ]

Strategie & Regole
Tre notizie segnalano la portata globale del conflitto tra Russia e Ucraina

Tre notizie segnalano la portata globale del conflitto tra Russia e Ucraina

Global
quoted business

Lavrov: “La terza guerra mondiale è un pericolo reale”. Blinken: “Indebolire la Russia per evitare altri conflitti”

Il ministro degli Esteri russo: “Consegnando le armi all’Ucraina la Nato è entrata de-facto in una guerra per procura con la Russia”. Il suo omologo statunitense: “Non sappiamo come proseguirà questa guerra, ma sappiamo che ci sarà una Ucraina sovrana e indipendente molto più a lungo del periodo in cui Vladimir Putin rimarrà in scena”. [continua ]

Global

La guerra trasforma l’Ucraina da paese povero a poverissimo. Il Pil 2022 a -35%

La crescita economica della Russia diminuirà del -8,5% quest’anno, secondo l’Fmi. Scendono anche le previsioni sul Pil globale: da +4,4% a +3,6%. L’Italia, che accusa la dipendenza energetica da Mosca, crolla dal 3,8% al 2,3%. La crisi avviene in un momento in cui l’economia globale non si è ancora pienamente ripresa dalla pandemia. Anche per questo motivo tutte le stime sono soggette a ulteriori modifiche. [continua ]

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com