L’asse franco-tedesco deciderà le sorti dell’euro. Ai loro occhi l’Italia è poco credibile

In Europa prosegue il dibattito sulla riforma dell’area dell’euro, ma l’Italia sembra esclusa dall’asse franco-tedesco. E tra poche settimane la Germania avrà un governo in grado di rispondere davvero alle proposte avanzate da tempo da Emmanuel Macron. Nel frattempo un gruppo di influenti economisti francesi e tedeschi ha redatto un importante documento sulla riforma dell’euro.

La loro idea è che la crisi dell’euro è il risultato del mancato rispetto dei vincoli sulla finanza pubblica da parte di alcuni paesi e la soluzione è rendere i vincoli più cogenti. Non c’è traccia, invece, dell’opportunità di coordinare più efficacemente le politiche fiscali e dei problemi causati dal surplus commerciale tedesco che impone ai partner impulsi deflazionistici. Né si discute il fatto che in molti paesi la crisi dell’euro sia stata in realtà generata dall’accumulo di debiti privati piuttosto che pubblici.

La maggior parte delle proposte nel documento si concentrano sulla necessità di ridurre il “circuito infernale” tra banche e stati nazionali, imponendo vincoli alla detenzione di titoli pubblici nel capitale degli istituti di credito, nella convinzione che questa e non la segmentazione dei mercati finanziari sia la fonte principale di instabilità per l’area euro.

Altro punto nevralgico è la sorveglianza sui conti pubblici che secondo i “tecnici”è preferibile affidare a organismi esterni indipendenti a livello europeo, lasciando in caso la decisione finale su eventuali sanzioni a organismi politici.

Più convincente è, invece, la proposta di sostituire le attuali (controproducenti) sanzioni sui paesi che non rispettano i vincoli con l’obbligo di emettere titoli “junior” (cioè i primi che non verrebbero rimborsati in caso di default) per finanziare l’eccesso di spesa, anche se resta il problema del possibile rimbalzo dell’emissione di questi titoli sulla valutazione di mercato di quelli “senior”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Tutti attendono il Consiglio del 23 aprile. Ma il verdetto è stato già emesso da Angela Merkel

Angela Merkel ha respinto di nuovo il ricorso agli Eurobond, ribadendo nella seduta del gruppo parlamentare della Cdu che sarebbero “la strada sbagliata”. E ha anche aggiunto che se il suo Paese spendesse troppo in programmi di salvataggio domestici ci sarebbe il rischio che Italia e Spagna possano indicare la Germania come un paese sufficientemente ricco (per dire sì agli Eurobond, ndr). [continua ]

Strategie & Regole
Merkel: “La prova più grande per l’Europa”. Ma si oppone ai titoli comuni

Merkel: “È la prova più grande per l’Europa”. Ma Berlino continua a opporsi ai titoli comuni

Ue
Strategie & Regole
Merkel a Roma: contraddice Macron sulla Nato e dice sì all’Unione bancaria

quoted business

Merkel a Roma: contraddice Macron sulla Nato e dice sì all’Unione bancaria

Ue
Strategie & Regole
Brexit, ora Johnson apre. Merkel e Macron gli danno 30 giorni

Cnn

Brexit, ora Johnson apre. Merkel e Macron gli danno 30 giorni

Strategie & Regole

Merkel: “Il Recovery Fund da solo non basta a salvare l’Ue”

“Lavoro per convincere i Paesi che finora hanno approvato i prestiti, ma hanno respinto le sovvenzioni”. Lo ha detto la Cancelleria alla vigilia del semestre di presidenza tedesca Ue (che comincia il primo luglio) in un’intervista concessa ad alcuni quotidiani europei (La Stampa per l’Italia). E poi la cancelliera lancia all’Ue un messaggio forte e chiaro: con i fondi messi a disposizione si può fare molto, “ma il Recovery Fund non può risolvere tutti i problemi dell’Europa”. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
Merkel e Macron: “Prepariamoci alla prossima pandemia”

quoted business

Merkel e Macron all’Ue: “Prepariamoci alla prossima pandemia”

Ue
Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com