Il caso che scuote la Spagna

L’ex re spagnolo Juan Carlo ha deciso di regolare i conti con il fisco. Emerge da una dichiarazione volontaria che i suoi avvocati hanno presentato al Tesoro. La cifra contestata è pari a 500 mila euro di provenienza estera spesi tra il 2016 e il 2018, quindi dopo l’abdicazione del 2014.

Il caso che scuote il paese
Juan Carlos (nel 2008)

La legge spagnola stabilisce che nel caso in cui si regolarizza (pagando almeno il 70%, in questo caso quindi 350 mila euro) la propria situazione fiscale, prima che l’amministrazione fiscale o la giustizia notifichino all’interessato l’apertura di procedimenti per l’accertamento dei debiti che hanno con l’erario, si è esonerati dalla responsabilità penale.

La decisione del padre di re Felipe appare in realtà una mossa strategica per limitare i danni di un’altra indagine aperta il mese scorso a suo carico. La procura spagnola sta infatti investigando sull’ipotesi che Juan Carlos abbia utilizzato carte di credito collegate a conti registrati a un soggetto messicano, il che potrebbe costituire reato di riciclaggio per il quale potrebbe essere perseguito (anche questo fatto è avvenuto dopo il 2014).

La dichiarazione di Juan Carlos arriva quattro mesi dopo il suo trasferimento negli Emirati Arabi Uniti dove sta vivendo una sorta di esilio volontario. L’ex re sta affrontando altre due indagini sulle sue finanze. Una di queste è stata aperta due anni fa su un contratto per costruire la linea ad ‘alta velocità’ in Arabia Saudita vinto da un consorzio di società spagnole nel 2011. Secondo il quotidiano svizzero La Tribune, nel 2008 il defunto re saudita Abdullah aveva depositato 100 milioni di dollari in una banca privata svizzera a cui Juan Carlos aveva accesso.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del rapporto debito/Pil in Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna

Osservando l’andamento del rapporto debito/pil nei cinque paesi selezionati emergono tre aspetti nodali 1) la tendenza a convergere da parte di Francia, Regno Unito e Spagna negli ultimi anni 2) la dimensione del debito italiano 3) la netta inversione di marcia della Germania dopo il 2012

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com