Enigma Brexit

Enigma Brexit

È stata celebrata come una vittoria per Theresa May da molti media britannici. Le votazioni alla Camera dei Comuni del 29 gennaio, in effetti, hanno autorizzato la premier a rinegoziare l'accordo con l'Ue, escludendo un rinvio della Brexit. Ma giusto il tempo di scaricare l’adrenalina dopo aver superato l’ostacolo ed è giunta la doccia gelata di Jean Claude Juncker. Per il presidente della Commissione Europea l'accordo raggiunto con Theresa May resta "il solo e il migliore possibile", e non sarà rinegoziato.

A questo punto nessuno può dirsi certo su come finirà a meno di due mesi dall’uscita del Regno Unito dall’Ue. I mercati finanziari, invece, hanno inviato un messaggio: la sterlina scende, rivelando il timore che la vittoria per la premier britannica si trasformi in un disastro economico per la Gran Bretagna. A meno che Theresa May non riesca davvero a convincere Bruxelles a rimettere mano all’intesa faticosamente raggiunta dopo due anni di trattative. Per riuscirci ha 15 giorni a disposizione.

Il nodo cruciale è il "backstop", ovvero la misura in base alla quale tutto il paese resterebbe a tempo indeterminato nell'Unione doganale se non si trova un modo alternativo per tenere aperto il confine fra Irlanda del Nord e Repubblica d'Irlanda, che diventerebbe la frontiera tra Gran Bretagna e Unione europea dopo la Brexit. Una questione evidentemente non soltanto “economica” in un’area martoriata per 30 anni dalla guerra civile prima degli ultimi venti di pace.

Accettando di rivedere l'intesa sulla questione irlandese, Theresa May ha cercato di andare incontro alle richieste di quella parte del partito conservatore che spinge per un’hard Brexit. La premier ha così guadagnato tempo, ma ciò non significa che sia vicina alla soluzione del rebus. Anzi le parole di Juncker rimettono per l’ennesima volta la palla al centro.

Fonte

Articoli correlati

Brexit: Theresa May presenta il piano di Londra

Brexit: Theresa May presenta il piano di Londra. Sarà divorzio consensuale sul commercio?

Ue
Strategie & Regole

Copyright, il Parlamento europeo approva la controversa riforma

Il Parlamento europeo ha approvato la riforma del copyright. Il via libera dall'aula di Strasburgo è arrivato con 348 sì, 274 no e 36 astenuti. Le nuove norme, che includono salvaguardie alla libertà di espressione, consentiranno a creatori ed editori di notizie di negoziare con i giganti del web. Prevista la possibilità per gli editori di stampa di negoziare accordi con le piattaforme per farsi pagare l'utilizzo dei loro contenuti. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
Brexit rinviata. I leader europei offrono una doppia opzione a Theresa May

Cnn

Brexit rinviata. I leader europei offrono una doppia opzione a Theresa May

Strategie & Regole

Google, terza sanzione miliardaria dall’Ue

Google incassa la terza multa miliardaria dall’Ue. La sanzione annunciata da Bruxelles è da 1,49 miliardi e deriva dalla violazione delle regole di concorrenza: la società Usa ha abusato della sua posizione dominante sul mercato - con la piattaforma AdSense - imponendo una serie di clausole restrittive nei contratti con i siti web terzi, impedendo ai concorrenti di piazzare le loro pubblicità su tali siti. [continua ]

Ue
Strategie & Regole

quoted business

Incubo Brexit, un altro duro colpo per Theresa May

Mancano pochi giorni al divorzio – fissato per il 29 marzo – e il cielo sopra Londra appare sempre più cupo. Il 18 marzo lo speaker della Camera dei Comuni, John Bercow, ha posto il veto a un terzo tentativo di ratifica dell'accordo sulla Brexit proposto dal governo di Theresa May. A meno che il testo non sia cambiato. Ma la premier ha sempre detto di non essere disponibile a modificare il proprio accordo raggiunto a fatica con Bruxelles. [continua ]

Strategie & Regole
Verso un fondo sovrano europeo?

Verso un fondo sovrano europeo?

Ue
Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com