La crociata di “Lady tax”

Alla danese Margrethe Vestager, temuta da Donald Trump, affidati obiettivi chiave: dal coordinamento per una web tax europea entro il 2020 al rafforzamento delle norme sugli aiuti di Stato e le fusioni

La crociata di “Lady tax”
Margrethe Vestager, vicepresidente Ue e commissario alla Concorrenza

Digitale e green economy. Sono questi i punti focali indicati dal presidente della Commissione europea. Il primo affidato a Margrethe Vestager e il secondo all’olandese Frans Timmermans. In particolare, il ruolo assegnato a Vestager appare molto rilevante. Oltre ad essere uno dei vicepresidenti, la danese mantiene la delega alla Concorrenza. 

Dal coordinamento per una web tax europea entro il 2020, al rafforzamento delle norme sugli aiuti di Stato e le fusioni: sono le priorità affidate da Ursula von der Leyen a Vestager, cui chiede di “stabilire una leadership digitale” europea e “rafforzare la politica di concorrenza, con regole eque e adeguate per l’industria”.

La sua nomina potrebbe incontrare le critiche della Casa Bianca: nella passata Commissione presieduta da Jean-Claude Juncker, a causa delle maxi multe inflitte ai colossi Usa, Vestager era stata definita “Lady tax” da Donald Trump.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Commissione europea: “Amazon distorce la concorrenza”

Commissione europea: “Amazon distorce la concorrenza”

Ue
Strategie & Regole
quoted business

La seconda e la terza economia dell’Ue firmano il ‘Trattato del Quirinale’: Francia e Italia valgono il 26% del pil comunitario

Più cooperazione Roma-Parigi: l’Italia si candida ad assumere un ruolo di vertice. Per i francesi è il secondo Trattato bilaterale dopo quello del 1963 con la Germania firmato Konrad Adenauer e Charles De Gaulle e rinnovato nel 2019. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
quoted business

L’Austria è contraria a nuove eccezioni sul debito. Ma in 21 anni non ha mai centrato il debito/Pil

Francia e Italia spingono per una revisione del Patto di stabilità. Vienna si oppone. Eppure, in più di due decenni, non ha mai centrato l’obiettivo di restare sotto al 60% nel rapporto debito/Pil. In gioco si sono anche la transizione ecologica e l’indipedenza tecnologica dell’Ue da Stati Uniti e Cina. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
Ecco quali paesi hanno rispettato fino ad ora i parametri di Maastricht

Ecco quali paesi dell’Ue hanno rispettato fino ad ora i parametri di Maastricht

Ue
Strategie & Regole
quoted business

La mano pesante dell’Ue contro Varsavia: multa da 1 milione al giorno

Probabilmente non ci sarà nessuna Polexit, perché i polacchi non la vogliono. Al contempo il governo populista di Varsavia non ha i mezzi per cambiare l’Ue dall’interno e la Polonia, tra l’altro, ha bisogno che questo conflitto si blocchi per incassare l’assegno da 57 miliardi di euro del piano di rilancio. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
quoted business

La Polonia esce dall’Ue?

La sentenza della Corte costituzionale polacca ha stabilito che il diritto europeo non prevale sempre su quello polacco e apre la strada alla Polexit. Ma i nazionalisti potrebbero aver sbagliato i conti. L’Olanda pronta a chiedere il congelamento del Recovery per Varsavia. Jean-Claude Juncker: “La sentenza della Corte è un attentato contro l’Ue”. [continua ]

Ue
Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com