Aiuti di Stato, in Germania il 50% dei sostegni autorizzati dall’Ue. In Italia e Francia il 15%

I dati della commissaria europea Margrethe Vestager sui 3.000 miliardi messi in campo dai Paesi a sostegno delle proprie aziende e approvati dalla commissione

Aiuti di Stato, in Germania il 50% dei sostegni autorizzati dall’Ue
Margrethe Vestager

La metà del totale degli aiuti di Stato autorizzati dalla Commissione Europea si riferisce alla sola Germania. È quanto mettono in evidenza i dati diffusi dalla Commissaria europea alla Concorrenza Margrethe Vestager.

Numeri che riflettono la maggiore potenza di fuoco degli interventi che ha messo in campo Berlino a sostegno delle proprie imprese rispetto ad altri Paesi con margini di manovra più ridotti. Nel dettaglio circa il 15% del totale riguarderebbe Italia e Francia e solo il 5% la Spagna. Inoltre, evidenzia Vestager, sulla base dei dati arrivati da 24 stati su 27 soltanto 346 miliardi sarebbero stati effettivamente spesi. 

Il commissario ha provato a spiegare il perché di uno scarto così ampio tra gli aiuti decisi e l’uso delle risorse pubbliche. Tra queste, il fatto che le imprese potrebbero aver richiesto meno aiuti del previsto o il tasso di utilizzo e l’attuazione dei regimi di intervento potrebbero essere stati più lenti. Le imprese potrebbero aver fatto affidamento più su misure generali (come la riduzione dell’orario di lavoro) che si applicano a tutta l’economia e non costituiscono aiuti di stato. Oppure, i dati dello Stato membro potrebbero non essere completi.

Ci sono anche altre importanti differenze nel modo in cui è stato concesso il sostegno. Francia e Spagna hanno fornito quasi esclusivamente garanzie pubbliche a condizioni favorevoli, così come Svezia, Portogallo e Romania. Germania e Italia, come Grecia, Irlanda e Polonia hanno fatto un maggiore ricorso alle sovvenzioni (che non dovranno essere rimborsate).

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Francia e Germania chiudono le porte all’Italia

La Germania blocca le procedure di accoglienza dei migranti. E la Francia annuncia rinforzi alla frontiera. Sullo sfondo il continuo rifiuto dell'Italia di consentire trasferimenti dalla Germania previsti dalla Convenzione di Dublino. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
La spesa media in R&S della Germania è al 3,13% del Pil

La spesa media in R&S della Germania è al 3,13% del Pil. L’Italia non raggiunge neanche l’1,5%

Ue
Innovazione
La Germania continua ad accogliere il doppio dei richiedenti asilo ...

La Germania continua ad accogliere il doppio dei richiedenti asilo rispetto all’Italia

Ue
Global

Il tradimento di Francia e Germania. Entrambi i Paesi voltano le spalle all’Italia

Darmanin: “La Francia non accoglierà i migranti da Lampedusa”. Berlino: “Sì alla sorveglianza aerea e navale”. Se Francia e Germania non accettano l’idea che i migranti siano un ‘fatto’ europeo, inutile prendersela con Ungheria e Polonia. La redistribuzione dei migranti appare come un miraggio (ad oggi). [continua ]

Ue
Global
Spesa sanitaria in rapporto al Pil: Italia 9,5%, Francia 12,4%, Germania 12

Spesa sanitaria in rapporto al Pil: Italia 9,5%, Francia 12,4%, Germania 12,8%

Ue
Life

Debito (pubblico e privato) rispetto al Pil: 340% Francia, 292 Grecia, 264 Spagna, 254 Italia, 193 Germania

Ad eccezione della Germania, il rapporto debito pubblico/Pil dei principali Paesi dell'area Euro, fino a febbraio 2022, si è incrementato. Ma se si aggrega il debito pubblico a quello privato in rapporto al Pil il quadro cambia. [continua ]

Ue
Finanza pubblica

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com