Stiglitz: “Basta con le regole per frenare il debito”

Il premier Nobel: “Pensate a far salire il Pil”

Stiglitz: “Basta con le regole per frenare il debito”
Joseph Stiglitz

Joseph Stiglitz, economista statunitense e premio Nobel, si mostra d’accordo con chi, tra questi il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni e il ministro francese Bruno Le Maire, ritiene che sia auspicabile modificare il Patto di stabilità europeo, perché obsoleto e troppo angusto rispetto alla fase che il mondo attraversa. In realtà – secondo Stiglitz – “quei parametri, intendo i rapporti del 3% di deficit sul Pil e del 60% di debito sul Pil, credo siano stati un grave errore per l’Europa”. Ciò che “importa è che l’Ue cresca, anche usando la spesa pubblica come sta facendo”.

Sulla stessa lunghezza d’onda sembra posizionarsi l’esecutivo italiano. La strategia di Palazzo Chigi punta a “svuotare” le regole più dure per non mettere a rischio la ripresa. Ma, prima di fare il passo decisivo, Mario Draghi dovrà aspettare l’esito delle elezioni politiche in Germania. Probabilmente, per il post-Merkel, il governo italiano troverebbe una strada meno tortuosa se a vincere fosse il candidato dell’Spd.

In ogni caso, il nostro paese dovrà comunque fare attenzione al proprio debito pubblico, anche qualora i cordoni imposti da Bruxelles si allentassero. “L’Italia ha un debito molto alto. Tutti i Paesi europei dell’Eurozona hanno adesso in media un debito del 100%. E qui i messaggi sono chiaramente due – ha spiegato Gentiloni -. Bisogna tenerlo d’occhio questo debito ed evitare di aggiungere spese permanenti che rendano il peso del debito sempre maggiore e che alla fine si scaricano sulle prossime generazioni. Noi chiamiamo il nostro programma ‘Next Generation Eu’, ma se alla next generation lasciamo un debito troppo consistente non credo che facciamo la cosa giusta.”

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

La seconda e la terza economia dell’Ue firmano il ‘Trattato del Quirinale’: Francia e Italia valgono il 26% del pil comunitario

Più cooperazione Roma-Parigi: l’Italia si candida ad assumere un ruolo di vertice. Per i francesi è il secondo Trattato bilaterale dopo quello del 1963 con la Germania firmato Konrad Adenauer e Charles De Gaulle e rinnovato nel 2019. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
Sassoli: “L’Ue cancelli il debito causato dal Covid”. È un boomerang?

Sassoli: “L’Ue cancelli il debito pubblico causato dal Covid”. La proposta è un boomerang?

Ue
Strategie & Regole
Il nuovo scenario: il Pil si dimezza, l’inflazione raddoppia

Il nuovo scenario per l’Ue: il Pil si dimezza, l’inflazione raddoppia

Ue
Economia
Bruxelles, quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Germania isolata

L’Ue vara il quinto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Germania sempre più isolata

Ue
Strategie & Regole

L’Ue crea la sua mini-difesa. Ma quello che servirebbe è una politica estera comune

La decisione dell’Ue di dotarsi di 5.000 soldati e più fondi per gli armamenti non sposterà gli equilibri nel breve e medio periodo e si tradurrà comunque in un aumento del divario tra spesa per la difesa e integrazione, situazione esacerbata dall’assenza di una politica estera comune. A brindare all’iniziativa di Bruxelles è soprattutto l’industria militare, che può crogiolarsi in una spesa in costante crescita su base nazionale associata a inefficienze e duplicazione di progetti e costi. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
quoted business

Draghi: “Questo Consiglio europeo è stato un successo”

Il premier italiano: “Più forte è la Difesa europea, più forte è la Nato. Comunque, i paesi dell’Ue spendono 3 volte di più rispetto alla Russia”. Per clima e Difesa occorrono più risorse: “Ma nei bilanci nazionali non c’è spazio…”. Poi spiega: “Importeremo di più da Canada, Stati Uniti, Argentina”. [continua ]

Ue
Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com